AL VIA I LAVORI PER LA REDAZIONE DEL PIANO URBANO MOBILITÀ SOSTENIBILE IN BASSA ROMAGNA

Partono le attività che porteranno alla redazione del Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums) dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna.

Il Pums definisce le strategie e le misure per il ridisegno del sistema della mobilità del territorio: la Commissione europea ha identificato il Pums come lo strumento cardine nella transizione verso la mobilità a basso impatto, che pone al centro il cittadino e ripensa le città e le sue dinamiche affinché siano più accessibili, inclusive e prospere.

A fine gennaio ci sarà un evento di lancio del percorso di redazione del Pums, che attraverso la fase di partecipazione, informazione e comunicazione, coinvolgerà attivamente cittadini e le parti sociali interessate in molteplici occasioni di dialogo, gruppi tematici di approfondimento e indagini online.

«Si tratta di un progetto complesso, articolato in una pluralità di attività che ci consentirà di diventare una delle poche Unioni in regione a dotarsi di un Piano per la mobilità sostenibile – dichiara il sindaco Nicola Pasi, referente per Mobilità e trasporti dell’Unione -. I nostri Comuni si sono mossi in anticipo sui tempi, in quanto lo studio preliminare per l’avvio di questo percorso risale al 2019-2020. L’attuale sfida per il miglioramento del sistema della mobilità legata anche all’emergenza climatica impone lo sviluppo di modelli innovativi da integrare agli strumenti di pianificazione capaci di tutelare l’ambiente e migliorare la qualità della vita. Attraverso la redazione e il compimento dell’iter di approvazione, il Pums consentirà inoltre all’Unione di poter accedere a molteplici programmi di finanziamento per il supporto e l’attivazione di misure volte all’implementazione di modalità di trasporto sostenibili».

Per il percorso di redazione del Pums il Servizio Urbanistica, Energia e mobilità dell’Unione si avvarrà del supporto di un raggruppamento di esperti formato da Fondazione Itl (Istituto sui trasporti e la logistica), società mandataria del progetto, Tplan Consulting (società di consulenza specializzata in progetti focalizzati sulla mobilità sostenibile) e la società Airis per la consulenza specialistica in ambito di valutazioni tecniche ambientali.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.