EDUCARE AL RISPETTO CONOSCENDO L’AMBIENTE: rinnovata la convenzione fra Bonifica e WWF per la gestione dell’OASI TRIGOLARO a Suzzara

Mantova, 11 luglio – Per il quarto anno consecutivo si rinnova la convenzione di collaborazione siglata dal Consorzio di bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po e dal WWF Mantovano per la gestione dell’oasi del Trigolaro.

firma convezione Consorzio di bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po e dal WWF Mantovano.jpeg

La presidente Cons. Bonifica Terre dei Gonzaga Ada Giorgi e il vice Raffaele Monica e il presidente del WWF mantovano, Donato Artoni

Il cavo Trigolaro scola le acque in eccesso dell’abitato di Suzzara in una vasca di laminazione che col tempo si è trasformata in un’oasi faunistica ricca di canneti, piante acquatiche e fauna, anche migratoria, tra cui aironi, anatidi, rapaci e passeriformi. Continua a leggere

MANTOVA – L’OASI TRIGOLARO ESEMPIO VIRTUOSO al FORUM MONDIALE DELLE FORESTE URBANE

OASI TRIGOLARONell’ambito del Forum Mondiale sulle Foreste Urbane che si sta svolgendo a Mantova (26 novembre-1° dicembre), a Palazzo Soardi si è tenuto un convegno relativo alle foreste di pianura gestite da volontari e all’esperienza del WWF in provincia di Mantova.

Sono intervenuti attivisti WWF, tra cui il Presidente del WWF Mantovano Donato Artoni, che tra gli esempi di aree di recupero ambientale in contesti urbani hanno citato anche il caso dell’Oasi Trigolaro, realizzata dal Consorzio Terre dei Gonzaga in Destra Po come vasca di laminazione con il compito di scolare una parte delle acque in eccesso, che grazie alla convenzione siglata con il WWF è divenuta una vera e propria oasi faunistica con attività di educazione ambientale a ridosso dell’abitato di Suzzara. Continua a leggere

PARCO DEL MINCIO – RIPRENDE IL TAGLIO DEI CANNETI e CARICETI

Bascun piccolo2.JPG

Quest’anno, dopo un fermo di alcuni anni, i proprietari di terreni protetti nella riserva naturale delle Valli del Mincio potranno ri-ottenere contributi comunitari dedicati al taglio di canneti e cariceti. Sono infatti finalmente state reintrodotte le misure dedicate alla salvaguardia di questi habitat, anche grazie alle pressanti richieste dell’ente Parco che sono finalmente state ascoltate. Continua a leggere

PARCO DEL MINCIO – INIZIANO I LAVORI DI PULIZIA NEI CANNETI E NEI CARICETI

cariceto.jpg

Il 23 dicembre il Parco ha assegnato i lavori di gestione attiva di 71 ettari di terreni interni alle Valli e in gran parte caratterizzati dalla presenza di cariceto e canneti: un altro rilevante contributo al miglioramento della vitalità degli habitat della zona umida.  Si tratta di aree di proprietà regionale che l’Ente regionale foreste ha assegnate da qualche anno all’ente Parco. Continua a leggere

MANTOVA – Una darsena a fondo Ostie nelle Valli del Mincio: aperta la Gara d’Appalto del Parco del Mincio

  Servirà a custodire i natanti dedicati alla manutenzione dei laghi ma anche come piccolo approdo per le compagnie di navigazione 

simulazione

Una darsena tra i canneti alle spalle di Fondo Ostie, sul lago Superiore, per il ricovero delle imbarcazioni che la Provincia utilizza per le manutenzioni nel lago e nella riserva naturale, ma anche una nuova possibilità di integrazione turistica delle proposte del territorio, visto che ci sarà anche una piccola banchina alla quale – prendendo accordi con l’ente gestore – le compagnie di navigazione turistica potranno approdare per far sbarcare o per imbarcare passeggeri in un mix di percorso bici+barca.

Continua a leggere

Il debbio dei canneti nelle Valli del Mincio

RIVALTA SUL MINCIO – I canneti delle Valli del Mincio il giorno dopo il rogo si presentano in una nuova veste.

Una veste che gli abitanti dei tre borghi, Rivalta sul Mincio, Grazie e Soave, erano soliti ammirare molti anni orsono quando non era considerato doloso bruciare i canneti bensì un semplice intervento dovuto e controllato, denominato “debbio”, affinché la natura potesse fare il proprio corso.

Un tempo, infatti, in questo particolare periodo dell’anno la canna palustre non raccolta e il residuo del taglio della stessa venivano bruciati perché il tutto si trasformasse in concimazione del terreno per la nuova fioritura.

Continua a leggere