GAZOLDO D/ IPPOLITI – LABORATORIO CINESE: 2 ARRESTI E 1 DENUNCIA PER LAVORO NERO E CLANDESTINO

carabinieriIn Gazoldo degli Ippoliti, i militari della locale Stazione Carabinieri, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Castel Goffredo e Piubega, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, alla Polizia Locale di Gazoldo degli Ippoliti e Rodigo, al personale INAIL, INPS e ATS Valpadana, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE TESSILE”, hanno arrestato per il reato di “trarre ingiusto profitto favorendo la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri e sfruttamento della manodopera clandestina, sospensione attività imprenditoriale e lavoro nero”, una 51enne ed un 52enne di nazionalità cinese, in qualità di reali conduttori di un laboratorio tessile del luogo di proprietà di un  31enne cinese attualmente irreperibile.

LABORATORIO CINESE.jpg Continua a leggere

PONTI SUL MINCIO – CONTROLLO LABORATORIO CINESE: ARRESTO IL GESTORE

In Ponti sul Mincio, i militari della Stazione Carabinieri di Monzambano, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Guidizzolo e Volta Mantovana, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e INPS, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DELLA CALZA”, hanno sottoposto alla verifica un laboratorio tessile di proprietà di un 38enne cinese del luogo.

LABORATORIO CINESE PONTI SUL MINCIO.jpg

Gli operanti, a seguito di un controllo all’interno del capannone, hanno identificato complessivamente 6 lavoratori di cui 3 senza regolare contratto e permesso di soggiorno. Continua a leggere

ASOLA – LABORATORIO CINESE: 3 LAVORATORI SENZA CONTRATTO, SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI E 13MILA EURO DI MULTA

CARABINIERI-LABORATORIO-CLANDESTINO.jpgIn Asola, i militari della locale Stazione Carabinieri, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Castel Goffredo e Monzambano, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e INPS e al personale ATS Valpadana – SPSAL Mantova, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DELLA CALZA”, hanno sottoposto alla verifica un laboratorio tessile di proprietà di un 40enne  cinese del luogo.

Gli operanti, a seguito di un controllo all’interno del laboratorio, hanno identificato complessivamente 16 lavoratori di cui 3 senza regolare contratto. Continua a leggere

SCHIVENOGLIA – 5 PERSONE DENUNCIATE PER IMMIGRAZIONE CLANDESTINA E SFRUTTAMENTO MANODOPERA

In Schivenoglia, i militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Gonzaga, congiuntamente al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, delle Stazioni Carabinieri di Quistello e San Giacomo delle Segnate, al personale INAIL e INPS, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE TESSILE”, hanno denunciato per i reati di “favoreggiamento della permanenza nel territorio dello stato di cittadini extracomunitari immigrati clandestini in concorso e sfruttamento manodopera di lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno in concorso”, un 36 enne ed un 51 enne di nazionalità cinese, rispettivamente imprenditore e locatario dell’immobile.

CARABINIERI - TASK FORCE.jpg Continua a leggere

MARMIROLO – CONTROLLO DI LABORATORI CINESI: TROVATO UN CLANDESTINO

carabinieriIn Marmirolo, i militari della Stazione Carabinieri di Castel Goffredo, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Guidizzolo e Gazoldo degli Ippoliti, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL, INPS e della Polizia Locale di Marmirolo, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DELLA CALZA”, a seguito di un controllo effettuato all’interno di un’azienda di confezionamento del posto, il cui titolare, un cittadino 52enne cinese regolare sul territorio nazionale, hanno identificato un 27enne connazionale, risultato clandestino sul territorio nazionale ma non intento all’attività lavorativa. Continua a leggere

ROVERBELLA – SETTORE DELLA CALZA: TROVATI 5 OPERAI SENZA CONTRATTO. ARRESTATO IL TITOLARE

In Roverbella, i militari della Stazione Carabinieri di Guidizzolo, unitamente a quelli di Volta Mantovana, Piubega, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova ed al personale INAIL e INPS, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DELLA CALZA”, hanno arrestato per i reati di “trarre ingiusto profitto favorendo la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri e sfruttamento della manodopera clandestina”, un 42enne di nazionalità cinese, titolare di un laboratorio tessile del luogo.

CARABINIERI - LAVORO NERO Continua a leggere

REDONDESCO – LABORATORIO CINESE: TRE PERSONE DENUNCIATE DI CUI UN ARRESTO PER SFRUTTAMENTO DELLA MANODOPERA CLANDESTINA

In Redondesco, i militari della Stazione Carabinieri di Piubega, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Castel Goffredo e Monzambano, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e personale ATS Valpadana – PSAL Mantova, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DEL CONFEZIONAMENTO DI ABBIGLIAMENTO”, hanno denunciato per il reato di “trarre ingiusto profitto favorendo la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri e sfruttamento della manodopera clandestina”, una 39enne, un 52enne ed un 53enne, tutti di origini cinesi.

CARABINIERI LABORATORIO CLANDESTINO REDONDESCO.jpg Continua a leggere

RODIGO – NEI GUAI TITOLARE DI UN LABORATORIO CINESE: TROVATA UNA DIPENDENTE SENZA CONTRATTO

laboratorio cinese a rodigoIn Rodigo, i militari della Stazione Carabinieri di Gazoldo degli Ippoliti, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Guidizzolo e Castel Goffredo, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e INPS, Polizia Locale di Rodigo, personale dell’ufficio tecnico del Comune di Rodigo e personale “ATS VALPADANA-SPSAL MANTOVA”, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE CALZA”, hanno controllato un laboratorio nel centro cittadino di proprietà di un 31enne cinese residente a Villafranca di Verona. Durante il controllo all’interno del laboratorio tessile, hanno accertato la presenza di due lavoratrici di cui una sprovvista di regolare contratto di lavoro.

Continua a leggere

RIVAROLO MANTOVANO – CONTROLLATO LABORATORIO CINESE: TITOLARE E I 6 LAVORATORI RISULTATI TUTTI IN REGOLA

CARABINIERI 12In Rivarolo Mantovano, i militari della Stazione Carabinieri di Bozzolo, unitamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Castel Goffredo, Viadana, al Nucleo Operativo e Radiomobile dei Carabinieri di Viadana, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e INPS, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DEL CONFEZIONAMENTO DI ABBIGLIAMENTO”, a seguito di un controllo all’interno di un’azienda di confezionamento il cui titolare un cittadino cinese regolare sul territorio nazionale, hanno identificato complessivamente 6 lavoratori tutti regolarmente assunti e regolari sul territorio nazionale. Continua a leggere

POGGIO RUSCO – UNA PERSONA ARRESTATA E SETTE DENUNCIATE: MANODOPERA CLANDESTINA E LAVORO NERO

In Poggio Rusco, i militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Gonzaga, congiuntamente al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e INPS, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE TESSILE”, hanno tratto in arresto per il reato di “trarre ingiusto profitto favorendo la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri e sfruttamento della manodopera clandestina, sospensione attività imprenditoriale e lavoro nero”, un 41enne di nazionalità cinese, reale conduttore dell’attività del luogo, mentre la titolare è risultata irreperibile ed è stata denunciata.

carabinieri - lavoro nero.jpg Continua a leggere