CAVRIANA – musica country-blues a Villa Mirra

083648f014bf5f34650c96d24c76ac7bdi G.Baratti

Cavriana (Mn) ospiterà il sesto appuntamento di Castelli in Musica, kermesse musicale giunta alla sua settima edizione quest’anno, nell’affascinante salone d’Onore di Villa Mirra. Sabato 18 luglio, a partire dalle ore 21, saranno le note country-blues a farla da padrona con il duo Paul Venturi & Marco Carrao.

Il concerto, oltre che nella fitta rosa di appuntamenti targati Castelli in Musica, rientra anche nel programma della notte Bianca cavrianese.

Venturi e Carrao sono due musicisti conosciuti e apprezzati in Italia e all’estero, devoti alla tradizione Country-Blues ma aperti ad influenze diverse con Folk e Spiritual insomma, due talenti puri che andranno a proporre le proprie composizioni nella spontanea ed ambiziosa formula del duo chitarristico.

corrao

Visti da vicino da un lato Marco Corrao è al centro di diversi progetti (Marco Corrao and Konrad’s Crew, Mr. Conrad and Krapa Joe, di recente in tour nel sud degli Stati Uniti, Marco Corrao Trio con Michele Virga e Davide Rinella) ed è incurabilmente innamorato della propria terra.

Nelle sue composizioni si rintraccia l’omaggio ai padri della tradizione blues e folk (Jimmy Reed, Charlie Patton, Clayton McMichen) senza tralasciare cover del Tom Waits di Mule Variations, c’è l’abbraccio virtuale al Dylan acustico di Freewhellin’ Bob Dylan e c’è persino una italianissima e non meglio identificata Bonus Track dall’antico sapore ragtime.

lombardi

Dall’altra parte del palco ci sarà invece Paolo Venturi, nato a Vignola (Modena). Chitarrista classico da giovanissimo, scova poi nel Blues la sua vera vocazione. Dopo uno studio rigoroso e scientifico delle più antiche sonorità Delta, prende ad esibirsi come leader di trio o quartetti ottenendo un discreto successo nei locali e clubs della provincia. Sarà però solo grazie all’incontro con Andreino Cocco, uno dei migliori armonicisti Blues d’italia, se Venturi riuscirà a riscontrare maggior successo ed ottenere ingaggi in festivals di rilievo.

Nel 2004, sotto lo pseudonimo “Cherry Red”, incide il suo primo singolo “Serenase Blues” per la “Crotalo Edizioni Musicali”, brano che verrà giudicato dai critici estremamente poetico ed intenso. Carica improvvisativa e genuina spontaneità accompagnano le performances del duo “Cocco & Little Paul”, spesso rafforzato da batteristi di gran feeling come Oscar Abelli e Max Cappa. Tuttavia Venturi compie il passo più importante nel 2007, quando intraprende un viaggio che tocca Memphis(TN), Clarksdale(MS) e Holy Spring(MS), dove trova l’ispirazione per scrivere molti dei brani contenuti nel suo primoCD. “Shake And Fear Bues” rappresenta un documento importante, colmo di raffinatezza ed intensità espressiva.

Il frequente utilizzo del falsetto, il sensuale vibrare della slide sulle sei corde e le liriche crude e spontanee rendono Little Paul uno dei più originali e bizzarri esponenti del Blues in Italia. La collaborazione con il cantante-armonicista creolo J. Monque’D, iniziata nel 2006, lo porta ad essere ospitato sul palco della “Blues Tent” al “New Orleans Jazz And Heritage Festival” ’11.

Foto di repertorio web

Annunci

Rispondi