NATALE VILLIMPENTESE 2015

albero-natale-vero.jpg

di Paolo Biondo

Si fa sempre più carico di quell’atmosfera emozionante e che affascina dai più piccoli a chi ne qualcuno in più da raccontare il periodo natalizio nella cittadina di Villimpenta. A contribuire a tutto ciò vi sono pure i numerosi appuntamenti inseriti nella locandina dell’edizione 2015 del Natale Villimpentese.

Dallo scorso 4 dicembre e sino al prossimo 6 gennaio 2015 il Comune in collaborazione con il Comitato Manifestazioni Villimpentesi e altre realtà del mondo del volontariato e di quello socioeconomico sarà un continuo susseguirsi di proposte di vario genere che renderanno le giornate più che mai ricche di quello spirito d’aggregazione che è solito accompagnare questo particolare momento dell’anno.

I promotori del Natale Villimpentese hanno lavorato certamente sodo per non tralasciare alcun particolare; il loro obiettivo è sicuramente quello di valorizzare quel patrimonio umano e sociale che è tipico della comunità locale. Molteplici sono gli elementi che fanno dei villimpentesi persone sempre pronte ad essere protagonisti attivi del vivere quotidiano, di quel vivere che significa anche dare il giusto risalto a temi di attualità ed anche a quelli che la memoria mantiene sempre in debita considerazione.

Natale2015.jpg

Già i primi appuntamenti proposti hanno confermato la validità del progetto che è alla base del Natale Villimpentese; numerose, infatti, sono le persone che hanno preso parte a iniziative come il concerto jazz con il quale si è dato il via al cartellone. Anche i giovani hanno risposto presente alle sollecitazioni proposte dagli organizzatori basti pensare che in molti si sono ritrovati al laboratorio di creatività all’interno del quale si è operato per trasformare in realtà il progetto denominato “Costruiamo l’albero della Biblioteca”.

Il cammino di avvicinamento al Santo Natale è caratterizzato anche da una ricorrenza che nel territorio mantovano e anche a Villimpenta che viene vissuta con grande trepidazione ed emozione tanto di piccoli quanto dagli adulti ovvero la ricorrenza di S. Lucia.

A tale proposito venerdì 11 dicembre si è svolto nella sala polivalente a partire dalle 19,30 uno spettacolo dal titolo “Una notte lunga, lunga aspettando S. Lucia” che ha dato modo ai villimpentesi di tutte le generazioni di evidenziare il loro impegno per il sociale.

Il ricavato dell’iniziativa, infatti, verrà devoluto in beneficenza e nello specifico sarà affidato al locale micronido “Fate e folletti” perché possa realizzare i propri progetti per i piccoli ospiti.

Santa Lucia sarà protagonista con i propri doni anche lunedì 14 dicembre nelle scuole locali tanto la materna quanto la primaria.

giuseppe-catozzella.jpg

A ben guardare il Natale Villimpentese è pure lo strumento per favorire la cultura oltre all’aggregazione intergenerazionale a tale proposito vale la pena segnalare l’incontro con l’autore posto in calendario il 17 dicembre alle 20,30 nelle sale della biblioteca comunale. In quella occasione verrà presentato il libro dal titolo “Non dirmi che hai paura” scritto da Giuseppe Catozzella che ovviamente oltre a illustrare i passaggi più significativi della sua opera sarà disponibile a confrontarsi con il pubblico dei lettori.

Buriel.jpg

Continuano, poi, senza sosta gli altri appuntamenti che porteranno l’appassionato sino al tradizionale momento del “Buriel” del 6 gennaio; un momento che segna il passaggio delle consegna tra l’anno “vecchio” che lascia definitivamente la scena e quello nuovo che diviene a pieno titolo protagonista assoluto della scena.

Rispondi