BUONA VIGILIA DI NATALE CON I TORTELLI DI NONNA ENAS

AE.jpg

Paola Pigozzi, proprietaria dell’Agriturismo Eliodoro di Roverbella (Mn), ha deciso di fare a voi lettori un augurio di Buon Natale unito ad una gustosa ricetta che fa parte della tradizione culinaria virgiliana: i Tortelli di zucca. Si tratta, infatti, di una pietanza che viene regolarmente servita sulle tavole imbandite dei mantovani per la cena della Vigilia di Natale.

È il momento degli Auguri. Desidero condividere con voi qualche ricordo di famiglia, da cui nasce una ricetta.

Agrit. Eliodoro.jpgQuesti ricordi provengono dalle feste natalizie di famiglia che ho vissuto da piccola con la famiglia di mia mamma a Roverbella.  

La sera della Vigilia  tutta la famiglia, dopo il digiuno del pranzo, si ritrovava presto per la cena preparata durante il giorno dalle donne di casa mentre gli uomini erano al lavoro. La mia nonna materna (Facincani Enas) era una donna golosa soprattutto di tortelli di zucca che erano il piatto principale della serata. La nonna, faceva in modo metodico avanzare dei tortelli con la scusa che “troppi facevano male” e poi la mattina di Natale si alzava prestissimo, andava alla funzione del mattino in chiesa (“messa prima”)e poi mentre tutti dormivano abbrustoliva in un tegamino i tortelli avanzati in modo che facessero una crosticina (“brusin”) e se li mangiava tutti per colazione! Inutile dire che al pranzo Natalizio tutti cercavano i tortelli avanzati la sera prima e che erano…. misteriosamente scomparsi! Tutti sapevano e … sorridevano… ma la nonna non ha mai ammesso il suo peccato di gola!

Ed ecco la ricetta che ispirata da questa storia è stata creata all’Agriturismo Eliodoro:

TORTELLI DI ZUCCA ALLA “ENAS”

PER LA SFOGLIA:

500 g farina 00 calibrata

n. 5 uova grandi

1C olio EVO

PER IL RIPIENO:

1,5 kg zucca mantovana

150g amaretti

80g mostarda mele mantovana

80g grana padano 24 mesi

sale q.b

noce moscata q.b

PER IL CONDIMENTO:

una noce di burro

2-3 cucchiai di mandorle tagliate a lamelle

1 pz di sale

un bicchierino di liquore all’amaretto

PROCEDIMENTO:

Cuocere la zucca al forno, privarla della buccia e passarla al setaccio. Unire alla zucca gli amaretti sbriciolati, la mostarda e il grana padano tritati finemente Salare e aggiungere noce moscata a piacere.

Far riposare l’impasto i frigorifero qualche ora.

Preparare la sfoglia con farina e uova, adagiare una noce di ripieno su un rettangolo di pasta di 6X6 cm e richiudere a triangolo.

Lessare i tortelli al dente in abbondante acqua salata.

In una padella far sciogliere una noce di burro, aggiungere le mandorle a lamelle e farle dorare.

Unire i tortelli lessati e scolati e saltarli a fuoco vivo in modo che si abbrustoliscano (il” brusin “che piaceva tanto alla nonna) aggiungere un pizzico di sale se necessario.

Unire il bicchierino di liquore all’amaretto e fiammeggiare.

Servire i tortelli caldi e .. buon appetito!

NOTA: a questo condimento non deve essere aggiunto il grana padano.

Spero di avevi fatto cosa gradita raccontandovi questa simpatica vicenda che mantiene vivo il ricordo di una nonna tanto cara!


Agriturismo Eliodoro Strada Colonne n. 22 (Corte Cornalino)
46048 Roverbella (Mantova) — Tel. 331 4496703
info@agriturismoeliodoro.it 
www.agriturismoeliodoro.it


Annunci

Rispondi