LUCCA – ART FAIR: L’ANTICO SPOSA IL CONTEMPORANEO

art fair Lucca 2016.jpg

Saranno quattro giorni dedicati allʼarte in una delle città più affascinanti dʼItalia. Un evento che vuole riunire i tessuti connettivi di un territorio carico di esperienze artistiche, sia dal punto di vista della produzione, che del mercato dellʼarte. Al via dal 6 al 9 maggio la prima edizione di LUCCA ART FAIR, la prima fiera dʼarte di Lucca, ideata e diretta da Paolo Batoni, presidente dellʼassociazione culturale Blob ART, che vuole riconfigurare la Toscana come regione dʼeccellenza capace di diventare nel tempo protagonista dello scenario artistico nazionale e internazionale.

Crocevia tra il “salotto” dellʼarte di Pietrasanta e il marmo bianco di Carrara, a due passi da realtà museali di grande importanza che tutto il mondo ci invidia e vicino a quella moltitudine di gallerie che hanno costruito silenziosamente reti internazionali, Lucca si presenta come la città ospitante più dinamica e ricettiva per nuovi esperimenti artistici ed è stata strategicamente scelta per riattivare e riconnettere il sistema dellʼarte del centro Italia.

lucca-art-fair.jpg

Ad essere in scena nei padiglioni del Polo Fieristico di Lucca, già sede di Lucca Comics, tanta arte contemporanea ma anche la felice combinazione tra moderna e post-bellica, per una fiera che vuole mostrare lʼinaspettato del mondo dellʼarte e costruire, passo dopo passo, un momento di confronto con le realtà nazionali e internazionali.

Lʼattenta selezione delle gallerie mira a inquadrare LUCCA ART FAIR come un progetto di qualità fin dal suo esordio, destinato a radicarsi nel medio-lungo termine in una regione che da sempre si è caratterizzata come laboratorio culturale italiano.

Ad accompagnare il progetto espositivo, la zona T.A.Z. (acronimo di Temporary Art Zone), interamente dedicata alle gallerie dʼarte contemporanea ad indirizzo più sperimentale e dai linguaggi più innovativi, e i talks, incontri con personalità di punta del panorama culturale italiano, addetti ai lavori e collezionisti, per offrire uno scambio di esperienze e conoscenza che attivi e sviluppi una rete indispensabile alla crescita del sistema artistico www.luccaartfair.itcontemporaneo.

TALKS IN PROGRAMMA il 6 e 7 maggio

Sabato 7 maggio – Sistema dell’Arte in Toscana, a cura di Adriana Polveroni, giornalista, saggista e direttore Exibart. Dialoghi tra i protagonisti dello scenario contemporaneo toscano con Lorenzo Bruni, critico e curatore indipendente, Base Progetti per l’Arte – Pietro Gaglianò, curatore indipendente, Made in Filandia – Fabio Gori, Fattoria di Celle e Collezione Gori – Vittorio Gaddi, collezionista – Nicola Maggi, fondatore Collezione da Tiffany – Irene Sanesi, presidente Fondazione per le Arti Contemporanee Centro Pecci – Sergio Risaliti, storico dell’arte, curatore, giornalista e consulente mostre Comune di Firenze

Domenica 8 maggio, ore 12.00 – 13:20  – Arte per l’infanzia, l’infanzia nell’arte, a cura di Luca Baraldi, Eurising. Dialoghi sul ruolo dell’arte nell’infanzia, pratiche educative e didattiche attraverso l’arte per lo sviluppo sociale ed economico con Luca Baraldi, Eurising – Ketty Gallon, Scuola Internazionale d’Illustrazione Štěpán ZavřelAntonella Gioli, Università di Pisa – Umberto Margiotta, Fondazione Collodi – Olimpia Niglio, Business School Sole24ore – Management dell’Arte e Beni Culturali – Fabrizio Silei, scrittore – Ilaria Tuci, Università di Pisa.

Domenica 8 maggio, ore 16.00 – 17.00  – Un artista, un critico, un collezionista, a cura di Parallelo 42, rivista e piattaforma per l’arte contemporanea. Dialoghi al confine tra arte, critica e collezionismo per nuove pratiche di contaminazione con Fabrizio Cotognini, artista, Giovanni Scarzella, imprenditore e collezionista, Antonello Tolve, critico d’arte.

Domenica 8 maggio, ore 17.00 – 18.20 – Conoscere per conservare: una nuova rivista e l’editoria d’arte dopo il 2000, a cura di Giuseppe Maino, direttore di Cities of Memory, International Journal on Culture and Heritage at Risk, coordinato da Donatella Biagi Maino, Università di Bologna e Alessandro Tosi, Università di Pisa. Dialoghi sul ruolo dell’editoria d’arte oggi e presentazione del n. 1 della nuova rivista internazionale Cities of Memory – International Journal on Culture and Heritage at Risk con Umberto Allemandi, Allemandi Editore e Il Giornale dell’Arte – Sante Bagnoli, Jaca Book – Luca Baraldi, comitato scientifico International Journal on Culture and Heritage at Risk – Giovanni Carnevali, Editoriale Umbra – Fabio Lazzari, UTET – Giuseppe Maino, Cities of Memory, International Journal on Culture and Heritage at Risk – Francesca Pacini, Edifir e Cities of Memory – Francesca Fazzi, Maria Pacini Fazzi Editore, Lucca..

Per info: T.O.E. | +39 0586881165 | info@luccaartfair.it | www.luccaartfair.it

Rispondi