MANTOVA – DON MARCO BUSCA: ECCO IL NUOVO VESCOVO

DON MARCO BUSCA 1 copia

don Marco Busca con Mons. Luciano Monari

Il successore di mons. Busti è un sacerdote 50enne di Brescia, dove è molto stimato come docente e collaboratore parrocchiale. In autunno il suo ingresso in Diocesi, mentre l’attuale presule tornerà a Carate Brianza.

Si apre una nuova pagina nella storia della Chiesa di Mantova: Papa Francesco ha scelto don Ginmarco Busca, 50enne sacerdote di Brescia, come guida della comunità virgiliana. L’annuncio è stato dato venerdì 3 giugno, durante una conferenza stampa tenuta dall’attuale vescovo Roberto Busti, il quale aveva consegnato al Pontefice il proprio mandato lo scorso novembre, al compimento del 75° anno di età.

DON MARCO BUSCA 2 copia.jpg

«L’elezione di don Marco è una bella notizia», ha detto mons. Busti ai presenti, radunati nella Sala degli Arazzi del Palazzo Vescovile. «Sono molto contento di questa scelta che assicurerà il rinnovato cammino pastorale che il nostro Sinodo ha appena tracciato».

La giovane età del sacerdote bresciano ha colto molti di sorpresa e l’attuale presule ha sottolineato con un sorriso: «È praticamente mio figlio!». Inoltre, a chi gli chiedeva cosa farà dopo la fine del suo mandato, ha confermato l’intenzione di tornare a Carate Brianza, dove ha vissuto per 27 anni.

Durante la conferenza stampa, è stato letto un messaggio inviato per l’occasione dal nuovo pastore della Diocesi. «Cari amici di Mantova – si legge – attraverso la volontà del Papa si è espressa la volontà di Dio Padre e io non ho avuto altro da aggiungere se non dire: “Eccomi”. Vengo volentieri in mezzo a voi, con cuore aperto verso le comunità cristiane e tutte le persone, specie i feriti, i senza speranza, tutti i cercatori di Dio e i promotori del bene e della giustizia».

DON MARCO BUSCA 3 copia.jpg

Don Marco Busca è nato a Edolo (Brescia) il 30 novembre 1965. Ordinato presbitero l’8 giugno 1991, è stato per tre anni vicario parrocchiale a Borno. In seguito ha studiato Teologia Dogmatica all’Università Gregoriana di Roma. Tornato a Brescia, per cinque anni è stato vice rettore del biennio di Teologia nel Seminario locale, dove svolge il ruolo di docente.

Per poter vivere la prossimità con il popolo di Dio, ha chiesto di poter vivere in parrocchia e per sette anni è stato collaboratore pastorale presso la parrocchia Santa Maria Crocifissa di Rosa a Brescia. Dal 2014 è anche collaboratore pastorale di Caionvico, nella periferia cittadina.

In queste settimane, con la nomina di mons. Busti a Amministratore Apostolico, parte l’iter che porterà all’inizio del mandato di don Marco come nuovo Vescovo di Mantova. Il suo ingresso effettivo in Diocesi è previsto per il prossimo autunno.

Questo il pensiero di Mons. Roberto Busti in merito alla nomina di don Marco Busca a suo successore alla guida della diocesi di Mantova

Mons. Roberto Busti.jpg

Sorelle e fratelli e figli tutti carissimi!

Ho la gioia di comunicarvi una bella notizia. Papa Francesco ha voluto guardare con simpatia e affetto la nostra Chiesa di Mantova e le ha destinato il nuovo Vescovo, dopo che io, al compiersi del 75° anno, avevo consegnato nelle sue mani il mio mandato, iniziato nell’ottobre 2007.

Si tratta di DON MARCO BUSCA, sacerdote della Diocesi di Brescia.

È giovane (ha 51 anni); è molto stimato come docente all’Istituto Teologico “Paolo VI” e all’Università Cattolica di Brescia; profondamente esperto della formazione dei sacerdoti e di pastorale vocazionale dei giovani; collaboratore nella vita pastorale di alcune parrocchie.

Io sono molto contento di questa scelta che assicurerà il rinnovato cammino pastorale che il nostro Sinodo ha appena tracciato.

Ora il nostro grazie si tramuta da subito in preghiera per il Vescovo eletto.

Perciò invito i parroci leggere il saluto inviato a tutti noi al termine di ogni celebrazione eucaristica di domenica 5 giugno.

Inoltre, d’ora in poi non manchi un riferimento orante per il nuovo Vescovo nella “preghiera dei fedeli”.

Mentre rinnovo a don Marco il saluto e l’abbraccio affettuoso anche a nome vostro, saluto tutti con affetto e desidero che la vostra preghiera continui anche per me.

+ Roberto, Vescovo

Messaggio del vescovo eletto don Marco Busca alla Diocesi di Mantova

DON MARCO BUSCA 4 copia.jpg

Cari cristiani della Chiesa di Sant’Anselmo di Lucca e cari amici di Mantova, sono don Marco, il nuovo vescovo. Papa Francesco vuole che io stia con voi, come fratello e pastore. So che attraverso la sua volontà si è espressa la volontà di Dio Padre per voi e per me e io non ho avuto altro da aggiungere se non dire: “Eccomi”. Prima di questa risposta c’è stata la trepidazione, poi la consegna.

Impareremo a conoscerci e a camminare insieme, secondo le ispirazioni di Dio. So che siete una Chiesa viva e che in questo tempo “sinodale” avete vissuto una stagione ricca di grazia sotto la guida del caro vescovo Roberto.

Vengo volentieri in mezzo a voi, affidandomi alla misericordia del Signore e alla vostra benevolenza, certo delle vostre preghiere e del vostro sostegno. Vengo con cuore aperto verso le comunità cristiane e tutte le persone, specie i feriti, i senza speranza, tutti i cercatori di Dio e i promotori del bene e della giustizia.

Dopo aver ricevuto la nomina ho iniziato a pregare per voi da subito, come un padre raccomanda i suoi figli a Dio. Penso che la comunione più vera passi da qui. Cerchiamo, anzitutto, il Regno di Do, il resto ci sarà dato in più (Mt 6,33).

Vi abbraccio e vi benedico uno per uno, chiedendo che il Signore faccia brillare il suo volto su di voi e vi conceda pace.

Vostro don Marco, vescovo

DECRETO DELLA CONGREGAZIONE PER I VESCOVI

SULLA NOMINA

DELL’AMMINISTRATORE APOSTOLICO

DELLA DIOCESI DI MANTOVA

Desiderando provvedere al governo della Chiesa che è in Mantova, vacante per la rinuncia dell’Eccellentissimo Rev.mo Mons. Roberto Busti,

il Sommo Pontefice Francesco,

con il presente decreto della Congregazione per i Vescovi,

nomina e costituisce

Amministratore Apostolico della Diocesi di Mantova,

dalla data odierna e fino al giorno della canonica presa di possesso da parte del suo Successore,

l’Eccellentissimo mons. Roberto Busti,

attribuendogli tutti i diritti, le facoltà e i doveri che competono ai Vescovi diocesani, a norma di legge, tenendo presente quanto è disposto dal n. 244 del Direttorio sul ministero pastorale dei Vescovi “Apostolorum successores”.

Dato a Roma, dalla sede della Congregazione per i Vescovi il 3 giugno 2016

Firmato: Marco card. Ouellet, Prefetto

                + Ilson De Jesus Montanari, Segretario

 

Rispondi