SOLETERRE – GRAZIE ALLE CURE ANCHE NASTIA PUÒ TORNARE A SCUOLA

Foto Nastia_ Archivio Soleterre_b.jpgGrazie alle cure e il sostegno dell’Organizzazione Umanitaria SOLETERRE – STRATEGIE DI PACE, anche Nastia, dopo quasi 8 anni di malattia, a settembre può riprendere gli studi e realizzare il suo sogno di diventare medico.

La famiglia della piccola Nastia, a causa delle difficoltà economiche, non era in grado di sostenere le eccessive spese che richiedevano le cure per la malattia che, solo pochi mesi fa, le hanno diagnosticato: il lupus (LES Lupus Eritematoso Sistemico), una patologia autoimmune fortunatamente curabile ma che prevede periodicamente l’assunzione di farmaci. La madre era l’unica a lavorare come infermiera guadagnando solo 2.000 grivne al mese, mentre le cure ne richiedevano 6.000 (terapia contro la convulsione, chemioterapia e terapia ormonale).

1.Foto Nastia_Archivio Soleterre_b.jpgCon l’aiuto di SOLETERRE Nastia può curarsi e continuare a studiare: nonostante i due ricoveri non ha perso la sua determinazione, è riuscita a prepararsi per l’esame di maturità e adesso è pronta per intraprendere gli studi di medicina ed essere d’aiuto a chi ne ha bisogno.

 

1-adv_adottacorsia_soleterre_bFino al 31 dicembre sostieni la campagna sociale “ADOTTA UNA CORSIA”, raccolta fondi promossa dall’Organizzazione Umanitaria SOLETERRE – STRATEGIE DI PACE a favore dei bambini malati di cancro e altre patologie ricoverati nei reparti pediatrici in Italia, Ucraina, Uganda, Costa d’Avorio, India e Marocco. La campagna si pone l’obiettivo di fornire le giuste cure e il sostegno psicologico adeguato ai piccoli pazienti, attraverso  una donazione mensile di 10 euro telefonando al numero verde 800 90 41 81 o visitando il sito www.soleterre.org/donazione.

«Chiediamo un aiuto continuativo perché solo in questo modo possiamo pianificare il futuro dei bambini ammalati sia per le terapie, mediamente di 2/3 anni per pazienti oncologici, sia per il supporto educativo per i bambini, spesso in ospedale da prima dei 5 anni, che rischierebbero di perdere il processo di scolarizzazioneafferma Damiano Rizzi, presidente di SoleterreL’abbandono scolastico aggrava le conseguenze della patologia. Nelle corsie adottabili, Soleterre segue circa 16.000 bambini permettendo loro di non mancare le tappe evolutive fondamentali al loro sviluppo psicofisico. Scuola, animazione, attenzione alle relazioni con il mondo che sta fuori dall’ospedale, oltre a medicine e al supporto psicologico. Le vite di questi bambini valgono un impegno continuativo perché i nostri donatori saranno felici di andare oltre la singola donazione che è importante ma una volta spesi i fondi ci farebbe ritrovare ancora al punto di partenza».

Da molti anni infatti l’Organizzazione umanitaria SOLETERRE è attiva in diversi reparti pediatrici per la cura del cancro infantile, della malnutrizione e di altre patologie, sostenendo il lavoro di oltre 250 medici tra oncologi, pediatri, infermieri, fisioterapisti, psicologi ed educatori.  Grazie alle donazioni continuative raccolte con la campagna “Adotta una corsia” di Soleterre si potranno garantire a questi bambini concrete possibilità di guarigione attraverso la realizzazione di diagnosi accurate e tempestive, la fornitura di medicine antitumorali e attrezzature mediche, ma anche garantire supporto psicologico, attività ludiche e case di accoglienza in Italia, Ucraina, Marocco, India, Costa d’Avorio ed Uganda. L’obiettivo primario è per Soleterre offrire possibilità di cura e ricreare un ambiente sereno che assicuri a bambini e adolescenti malati benessere emotivo per affrontare le cure, spesso lunghe e dolorose.

 SOLETERRE è un’organizzazione umanitaria laica e indipendente che opera per garantire i diritti inviolabili degli individui nelle “terre sole”. Realizza progetti e attività a favore di soggetti in condizione di vulnerabilità in ambito sanitario, psico-sociale, educativo e del lavoro. Interviene con strategie di pace per favorire la risoluzione non violenta delle conflittualità e per l’affermazione di una cultura di solidarietà. Adotta metodologie di partenariato e di co-sviluppo per promuovere la partecipazione attiva dei beneficiari degli interventi nei paesi di origine e in terra di migrazione e garantire la loro efficacia e sostenibilità nel tempo.

www.soleterre.org

Rispondi