MEDOLE e DINTORNI – “ÀNEMOS”: grande omaggio all’opera e alla vita di PRANCO PIAVOLI

 

Franco piavoli omaggio.jpg

La Civica Raccolta d’Arte di Medole, con il sostegno dell’Unione dei Comuni “Castelli Morenici”, organizza un grande omaggio all’opera e alla vita di Franco Piavoli, regista di fama internazionale che ha costruito, nel corso degli anni, un percorso sincero, scandito dal battito che unisce l’uomo e la natura.

La celebrazione, intitolata Ànemos – Franco Piavoli e curata da Giovanni Magnani e Fabrizio Migliorati, sarà articolata in tre tempi in diverse località dell’Alto mantovano –Torre Civica di Medole, Supercinema di Castiglione d/Stiviere, Sala delle colonne a Ponti sul Mincio e Sala Civica a Solferino – che andranno a formare una costellazione di incontri, proiezioni ed esposizioni, tutti ad ingresso libero, intorno all’opera del grande regista bresciano.

Il primo momento di Ànemos – Franco Piavoli è stato rappresentato dalla grande mostra alla Torre Civica di Medole che si è inaugurata domenica 14 maggio e che rimarrà visitabile fino al 25 giugno 2017. Concepita come un’apertura sull’opera più intima di Franco Piavoli, la mostra accoglie molte fotografie scattate nei primissimi anni Cinquanta, una serie di pastelli e acquerelli estremamente lirici, molti inediti, tra disegni e studi preparatori per i suoi film, un estratto del personalissimo, e preziosissimo, erbario, alcune stampe di fotogrammi tratti dalle sue opere cinematografiche, oltre ad alcuni scatti presentati, in anteprima mondiale, di Melina Mulas, figlia dell’amico fraterno di Piavoli, Ugo Mulas.

Il secondo momento della celebrazione vi è stato il 16 maggio con l’incontro con il regista al Supercinema di Castiglione delle Stiviere, concepito in forma di dialogo tra l’autore, la critica cinematografica Ilaria Feole e il filosofo Luca Cremonesi.

E proprio al Piavoli regista sarà dedicata la terza sezione della manifestazione, un’importante retrospettiva che vedrà la proiezione dei suoi quattro lungometraggi (Il pianeta azzurroNostos – Il ritornoVoci nel tempo e Al primo soffio di vento), di alcuni preziosi cortometraggi (Domenica seraEmigrantiEvasi), dell’ultima opera, Festa del 2016, e di Habitat [Piavoli], intenso omaggio di Claudio Casazza e Luca Ferri al mondo e all’opera del regista.

franco-piavoli

Nato a Pozzolengo (BS) nel 1933, dove tuttora vive, Franco Piavoli si laurea in Giurisprudenza ma poco dopo rimane folgorato dalla visione dei capolavori del cinema russo, dai film di Joris Ivens e David W. Griffith, e decide di mettersi alla prova come regista con una piccola telecamera 8 millimetri. Nel 1961 gira il primo cortometraggio documentario Stagioni, inaugurando uno stile sperimentale e poetico, dal soggetto spesso bucolico, che proseguirà con altri titoli sempre prodotti in modo indipendente come Domenica seraEmigrantiEvasi. È la Mostra di Venezia a metterlo in luce come autore a livello internazionale ospitando in concorso, nel 1982, il suo primo lungometraggio Il pianeta azzurro, sperimentale “sinfonia visiva e sonora”, priva di dialoghi, che osserva l’uomo immerso nella natura nello scorrere delle stagioni. Successivamente Piavoli gira altri tre lungometraggi che rimangono vicini al documentario per lo sguardo attento sull’uomo e la natura, ma sconfinano nel cinema narrativo sperimentale per la raffinata rielaborazione drammaturgica: Nostos – Il ritorno (1989), personale rielaborazione del mito di Ulisse, presentato fuori concorso al Festival di Locarno; Voci nel tempo (1996), con il quale Piavoli torna a Venezia nella sezione Settimana del cinema italiano; Al primo soffio di vento (2002), il racconto di una giornata d’agosto nelle campagne lombarde. Tra gli ultimi lavori del regista ricordiamo il mediometraggio Festa uscito nel 2016 e presentato al Festival di Locarno nello stesso anno.

pianeta azzurro di franco piavoli.jpg

I prossimi appuntamenti sono fissati  da Giovedì 18 maggio a Giovedì 22 giugno con una rassegna cinematografica in 6 serate nei tre Comuni dell’Unione dei “Castelli morenici”

  • Giovedì 18 maggio, ore 21: Il pianeta azzurro (1982), Torre Civica, Medole
  • Giovedì 25 maggio, ore 21: Nostos. Il ritorno (1989), Sala delle colonne, Ponti sul Mincio
  • Giovedì 1 giugno, ore 21: Voci nel tempo (1996), Sala Civica, Solferino
  • Giovedì 8 giugno, ore 21: Domenica sera (1962), Emigranti (1963), Evasi (1964), Festa (2016), Sala delle colonne, Ponti sul Mincio
  • Giovedì 15 giugno, ore 21: Al primo soffio di vento (2002), Sala Civica, Solferino
  • Giovedì 22 giugno, ore 21: Habitat [Piavoli] (2013), Torre Civica, Medole

Orari di apertura della mostra: Da mercoledì a sabato dalle 15.30 alle 18.30 – domenica e festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30  Ingresso libero

Per informazioni: Civica Raccolta d’Arte Torre Civica – Piazza Castello . 46046 Medole (Mn) — Tel. 0376 868001 – 0376 868622 – 0376 868748

civicaraccoltadarte@comune.medole.mn.it  —  www.comune.medole.mn.it

Annunci

Rispondi