MANTOVA – I MERCOLEDÌ DEL CONSERVATORIO: conferenza di ENZO RESTAGNO

enzo_restagno.jpg
Ultimo appuntamento per la decima edizione della rassegna di conferenze-concerto I Mercoledì del Conservatorio a cura della Prof.ssa Albertina Dalla Chiara, presso l’Auditorium “Claudio Monteverdi” del Conservatorio di Musica “Lucio Campiani” di Mantova. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Mercoledì 24 maggio, sempre alle ore 18.00 l’incontro La svolta americana. Steve Reich, vede il gradito ritorno dell’insigne musicologo italiano Enzo Restagno e torna ad occuparsi della grande musica contemporanea, dopo la conferenza dedicata al compositore italiano Alessandro Solbiati lo scorso 5 aprile.

Tra i pionieri del minimalismo insieme a Philip Glass, Terry Riley e La Monte Young, Reich è stato insignito del Leone d’Oro alla carriera alla Biennale Musica di Venezia nel 2014 ed è ritenuto uno dei maggiori contemporanei della musica statunitense. Nel corso degli anni la sua ricerca si è aperta a uno sperimentalismo colto e in continua evoluzione, andando ad esplorare le più diverse tradizioni musicali con costante attenzione per le tecniche compositive e esecutive.

In un’intervista Steve Reich ha dichiarato: La mia generazione non ha affatto compiuto una rivoluzione, bensì una restaurazione. Noi siamo tornati all’armonia e al ritmo regolare. Lo abbiamo fatto in un modo completamente nuovo, recuperando però quello che Schönberg con l’armonia e Boulez con il ritmo avevano provato a eliminare: dei riferimenti chiari ai quali aggrapparsi, un centro gravitazionale, un attrito, cioè elementi essenziali nella vita, come nella musica, per non cadere.

Il successo della sua musica è dovuto a un’apertura completa agli stili, alla libertà assoluta nella scelta degli strumenti, a un’aderenza all’attualità, sia nei temi che sceglie di raccontare (l’attentato alle torri in WTC 9/11) sia nell’estetica fondata sul ritmo.

piano E SAX.jpg

La conferenza-concerto prevede l’esecuzione di Piano Face di Steve Reich per due pianoforti con Giacomo Tora e Amer Delilbasic, allievi della Prof.ssa Roberta Bambace, che eseguiranno anche la Rapsodia in blu di George Gerschwin, autore che ha molto influenzato Steve Reich.

È inoltre prevista l’esecuzione di New York Counterpoint per quattro saxofoni e nastro registrato con Laura Chittolina, Giampaolo Etturi, Marco Rizzi e Gabriele Zardo, saxofonisti della classe del Prof. Gianluca Pugnaloni.

Per informazioni: Conservatorio di Musica “Lucio Campiani” di Mantova Via Conciliazione, 33 – Mantova 0376.368362

www.conservatoriomantova.com   comunicazione@conservatoriomantova.com

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.