SAN BENEDETTO PO – Gli studenti del Liceo artistico “Giulio Romano” omaggiano l’acquarellista mantovano RENZO FERRARINI

Ferrarini
“La difficile tecnica dell’acquerello, magistralmente condotta dall’artista mantovano, ci riavvicina a luoghi e angoli talora perduti del nostro vivere, qui ed oltre.”
Alla Sala degli Artisti del Museo Civico Polironiano di San Benedetto Po, venerdì 30 marzo alle 17, apre la mostra “Animae loci” dell’acquerellista mantovano RENZO FERRARINl (1928-2001) uno dei maggior acquerellisti italiani del Novecento.
La rassegna rimarrà aperta al pubblico sino al 30 aprile 2018; essa presenta una serie di trenta acquerelli, molti dei quali inediti, riuniti in questo suggestivo spazio per ricordare il 90° della nascita di Ferrarini.

Accompagna la mostra un catalogo bilingue con i contributi critici di mons. Roberto Brunelli, direttore del Museo diocesano Francesco Gonzaga di Mantova e della figlia dell’artista, Brunetta.

La mostra è realizzata da Brunetta Ferrarini in collaborazione con il Liceo artistico Giulio Romano di Mantova, dove vengono proposte opere inedite dalla raffinata tecnica dell’acquerello che vanno a dialogare con il luogo bagnato dalle acque del Po che lo abbracciano e lo fecondano.
Orari di apertura: martedi/venerdi 9-12 e 15-18; sabato domenica e festivi 9,30-12,30 e 15-18.

(GB)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.