BORGO MANTOVANO – A PALAZZO DUCALE TORNA L’APPUNTAMENTO con IL RITRATTO E L’ANIMA tra PITTURA e SCULTURA

il ritratto e l'animaA Palazzo Ducale di Revere di Borgo Mantovano sabato 30 giugno alle 18.00 verrà inaugurata la rassegna di pittura e scultura di elevata qualità artistica dal titolo Il ritratto e l’anima curata da Barbara Ghisi. La collettiva chiuderà il 31 luglio con lo spettacolo pirotecnico dei fuochi d’artificio sul fiume Po (Fiera di Santa Mostiola).

Tra gli artisti presenti troviamo: Saturno Buttò nato a Portogruaro e diplomato al Liceo Artistico e all’Accademia di Belle Arti di Venezia. La sua opera è caratterizzata da una personalissima interpretazione formale dell’arte sacra europea e da una perizia tecnica impeccabile, che ricorda quella dei grandi maestri della nostra tradizione pittorica.
Marzia Roversi e Sandra Ongari entrambe mantovane. La prima di Poggio Rusco, pittrice e disegnatrice realizza opere su tavola utilizzando anche la tecnica del collage. Laureata in Architettura presso l’Università degli studi di Firenze, lavora come architetto e restauratrice di antiche dimore. Sandra Ongari di Bagnolo San Vito è diplomata all’Istituto d’Arte di Mantova ed ha lavorato molti anni come progettista in uno studio tecnico. Dipinge ritratti femminili ispirandosi allo stile dei pittori impressionisti.

Nata a Sassuolo nel modenese la pittrice Ivana Ravazzini, che risiede però a Castellarano di Reggio Emilia. Grazie al corso del maestro Maurizio Romani ha acquisito l’utilizzo della pittura ad olio con la tecnica della velatura.

In esposizione anche opere dell’artista modenese di Castelfranco Emilia, Antonio Celestino Simonini, (mancato nel 2007). L’artista tutt’ora collezionato da numerosi estimatori, era pittore, grafico e scultore. La sua ricerca parte da una tradizione rinascimentale, e la accoppia alla rivoluzione cezaniana. Ne deriva così uno stile tra la linea quattrocentesca e quella cubista.

Elisa Brindani è nata a Parma e seguendo la passione della madre per l’arte, si è laureata in Conservazione dei Beni Culturali. Rappresenta con la tecnica della spatola un mondo femminile dal ritratto incentrato sul volto e sul potere dello sguardo, al corpo in movimento.

Le sculture di Edo Romildo Chiari, in arte Edo Chiari, traggono ispirazione dai Maestri come Modigliani e Giacometti con l’aggiunta di un tocco personale informale. Nella sua opere è spesso presente il tema della trasfigurazione del corpo come riflesso del travaglio dell’anima.

Stefania Dal Molin è nata a Belluno ed ha fatto della sua passione una professione. Si è diplomata in decorazione e restauro all’Istituto Statale d’ Arte per la Ceramica Gaetano Ballardini di Faenza sotto la guida dei maggiori artisti dell’Emilia Romagna. Nelle sue opere c’è una visione personale reale e metafisica. I ritratti in special modo sono vere e proprie introspezioni dell’anima.

Roberta Ferrari è nata a Bologna ed ha un laboratorio-atelier in provincia. All’età di 40 anni da autodidatta ha frequentato corsi di pittura e partecipato a concorsi aggiudicandosi numerosi riconoscimenti. Dal 2013 ha accostato alla pittura, la scrittura, ed ha pubblicato il suo primo romanzo “Blu” affiancando tele dipinte ispirate per l’occasione.

ORARI DI APERTURA: sabato, domenica e festivi 10.00-12.00 e 15.00-19.00. In settimana telefonando al 335 6702863.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.