GUIDIZZOLO – ALLA CITTADELLA DELLE ASSOCIAZIONI, incontro con l’autore guidizzolese GIANFRANCO RUFFONI

Ruffoni presenta le sue pubblicazioni.1.jpgdi Paolo Biondo

La passione per la scrittura, per la storia, per tutto ciò che è tradizione e cultura locale hanno portato Gianfranco Ruffoni a trasformarsi negli anni, attraverso l’arte della scrittura, in un testimone del tempo che scorre.

L’autore guidizzolese, infatti, in tanti anni di ricerca e di studio ha pubblicato più di 20 libri con i quali racconta l’evoluzione compiuta da un territorio e da una comunità ricchi di potenzialità non solo socioeconomiche. Per fare un bilancio del cammino compiuto e anche per creare stimoli ulteriori per il futuro Gianfranco Ruffoni sabato 14 luglio 2018 nella “Cittadella delle Associazioni” a Guidizzolo in via don L. Sturzo dalle 10,30 vivrà da protagonista un “Incontro con l’Autore”.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Guidizzolo con la collaborazione della Pro Loco, del Ciclo Club 77, del Gruppo Volontari Guidizzolesi, dell’Auser Centro Sociale “La Mimosa” e il Gruppo di Guidizzolo dell’Associazione Nazionale degli Alpini.

A dialogare con il ricercatore e scrittore locale vi sarà, tra gli altri, l’esperto Giovanni Zangobbi.

Lo studio della storia – ribadisce Gianfranco Ruffoni – e della ricerca sono visti come elementi di vita essenziali per vivere il presente da protagonisti e approcciarsi al futuro con tanto ottimismo ed entusiasmo. Tutto quanto è inserito in ogni pubblicazione, dalle notizie raccolte alle date, dai nomi ai luoghi ritrovati, consente alle persone di ricostruire il passato e al tempo stesso cosa siamo oggi”.

Gianfranco Ruffoni nasce a Guidzzolo e nei primi anni cinquanta si trasferisce a Milano dove da prima si diploma all’Istituto S. Marta in disegnatore meccanico e successivamente vive varie esperienze lavorative in aziende del capoluogo meneghino.

Tornato nella sua terra natia, nel 1981 viene insignito del titolo di cavaliere della repubblica mentre otto anni più tardi diventa Grand’Ufficiale per i meriti conseguiti nell’ambito sociale.

Non a caso il suo tempo libero lo dedica agli altri divenendo esponente locale dell’Avis; la sua volontà e la sua passione lo porta nel tempo a ricoprire sia la carica di componente il consiglio provinciale e regionale di questa associazione.

Sempre per l’Avis a livello lombardo fa parte della commissione provveditorato agli studi per contribuire alla creazione di progetti che favoriscano il rapporto tra il mondo della scuola e quello del volontariato sociale.

Altro riconoscimento per il suo impegno nel sociale gli vien riconosciuti nel 1981 dal sindaco Bruno Mari ovvero il diploma con medaglia d’oro per tutta l’attività svolta verso la sensibilizzazione delle persone nei confronti del valore del dono. Contemporaneamente si dedica alla ricerca storica e culturale e in questo ambito arriva a pubblicare varie opere.

L’archivio personale di Gianfranco Ruffoni è composto da 570 cartelle suddivise in vari temi, più di 1200 foto storiche scattate in epoche diverse, testimonianze scritte del secolo scorso e dei periodi precedenti e molto altro ancora.

Tutto ciò oltre ad essere un significativa collezione consultabile anche dagli studenti è pure un patrimonio di notevole valore storico e culturale per l’intera comunità di Guidizzolo.

L’incontro con Gianfranco Ruffoni diviene, quindi, l’occasione per conoscere più a fondo ed apprezzare un territorio che dispone di enormi potenzialità.

Vale la pena inoltre sottolineare che nel baule dei ricordi dell’autore guidizzolese vi sono ancora documenti che diventeranno i protagonisti delle sue prossime pubblicazioni.

Annunci

Rispondi