NAPOLI FILM FESTIVAL 2018 – VIDEOCLIP SESSIONS è la grande novità della XX Edizione

vesuvio award.JPGVideoclip Sessions a cura di Freak Out Magazine. È la grande novità della XX edizione del Napoli Film Festival, che si svolgerà dal 24 Settembre all’1 Ottobre a Napoli. Ventisei nazioni rappresentate, dall’America Latina all’Oriente, dagli USA ai paesi arabi passando per il centro Europa. 

Il Napoli Film Festival apre alla Musica e dedica spazio e visibilità ai videomaker che producono opere che vanno a braccetto con canzoni di musicisti emergenti o affermati. Per questa prima edizione il successo è stato inaspettato con oltre 200 videoclip iscritti al concorso, ma tra questi ci sarà un solo vincitore. 

La giuria, composta Francesco RaiolaNicola Iuppariello e da Alfredo Capuano; ha valutato i videoclip preselezionati dalla redazione di www.freakoutmagazine.it storica rivista musicale italiana coordinata da Giulio Di Donna

Gli ottantaquattro videoclip verranno proiettati heavy rotation – a blocchi di 17 – nei giorni 24, 25, 26, 27, 28 settembre dalle ore 21:00 presso il Cine Teatro Delle Palme di  Via Vetriera a Chiaia, 12 in Napoli.

L’ingresso è libero.

Rodeo.jpg

Per il Napoli Film Festival diventa opportuna l’indagine nel mondo dei videoclip musicali. Questa forma audiovisiva breve, che mette insieme musica e immagini, è diventata un elemento imprescindibile per veicolare e promuovere la musica 2.0 

Nonostante la fine delle TV musicali il videoclip si è rigenerato e grazie alle piattaforme di social networking la diffusione, e la conoscenza di nuovi mezzi e tecniche per la produzione, la quantità e la qualità dei video è aumentata. Oramai il processo promozionale, discografico e distributivo del mercato musicale, passa inesorabilmente da questo strumento che veicola rapidamente i contenuti con lo scopo di far apprezzare e approfondire le scelte musicali che gli artisti fanno ai fans o ai mezzi di comunicazione.

Le Videoclip Sessions è una sezione che va incontro alla necessità di concedere visibilità e occasione di confronto soprattutto ad una schiera di autori che, per scelta o per altre ragioni, orbitano distanti dai canali “istituzionali”, preferendo svincolarsi e operare in ambiti e settori più “indipendenti”.

Nightmare on wax.jpg

Sono ben 26 le nazioni rappresentate nella lista degli 84 semifinalisti pre-selezionati mentre Napoli e la Campania sono rappresentate da ben 30 opere. 

Tra i video internazionali spiccano quello di Nena & Dave Stewart (Eurythmics) e dei Nightmares on Wax raffinati epigoni di musica elettronica che pubblicano per la prestigiosa Warp records.

Tra gli altri si fanno notare gli spagnoli The Zephyr Bones, Rodeo e SoyEmilia grazie anche ad un mix di musica che parte dalla beach wave, lo stoner rock e raggiunge l’elettro pop.

Colayuta.jpg

Dal Cile si fanno notare i Colayuta con il loro jazzy house, mentre è affascinante la storia raccontata – con sound elettro – dai polacchi Drekoty.

Napoli è ben rappresentata e conferma il fermento artistico della città. Le variegate proposte passano dal ritmo elettro-reggae di ‘o Zulù e Jovine fino a tutta la scena newpolitana (Foja, La Maschera, Tommaso Primo) passando per la scena new wave e psichedelica (Nino Bruno e le 8 Tracce) e la scena cantautorale con Lello Tramma e Simone Spirito. E ancora la trap di Enzo Dong e il rap dei Moderap, mentre il pop è rappresentato da Andrea Sannino, la dark wave dai Geometric Vision e il folk da ‘O Rom.

Nena & Dave Stewart.jpg

La multiculturalità artistica e sociale si esprime con le Mujeres Creando e i Terroni Uniti e la nuova ondata newpolitana con Ivan Granatino e Da Blonde. Invece con La Terza Classe si da un tocco internazionale grazie al sound bluegrass. Sul versante nazionale troviamo il rock dei Dunk (Verdena e Marta sui Tubi) o dei friulani Artura, mentre si passa alla trasversalità soul funk anni 70 dei Fitness Forever fino lo strampalato pop dei messinesi Maisie. Insomma ce ne per tutti i gusti! 

Animazione, paesaggi nordici e panorami sublimi. Le produzioni low-fi si contrappongono a quelle hi-tech. Dal Video8 al 4K.

Le produzioni in concorso hanno spiccate caratteristiche, infatti factory o singoli videomaker hanno presentato molti video animati, sia in graphic 3d che computer grafica; mentre paesaggi nordici e panorami sublimi sono ambientazioni utilizzate per scenografie che rendono “nuovo” il modello di videoclip musicale che dagli anni 80 e 90 aveva uno standard, oggi obsoleto, che si limitava a raccontare la vita degli artisti; oggi i messaggi socio-politici e civili sono parte importante delle opere visive.

Drekoty.jpg

La giuria è composta da

Francesco Raiola è a capo area Musica a Fanpage.it.  Laureato in Scienze della Comunicazione all’Università degli Studi di Salerno. Giornalista, è stato caporedattore di AgoraVox Italia dalla nascita del giornale (settembre 2008) fino al dicembre 2011 quando ne ha assunto la direzione, che ha lasciato nel 2013. È tra i fondatori del festival letterario Un’altra Galassia – Napoli Sotterranea.

Nicola Iuppariello curatore dal 2008 di DiscoDays, la Fiera del Disco e della Musica a Napoli. Aurore, curatore e produttore di diverse pubblicazioni editoriali e musicali.

Alfredo Capuano, docente del corso di Nuove Tecnologie dell’Arte, giornalista e addetto stampa, è uno dei 13 che compongonomediaintegratimediaintegrati è una società di artisti napoletani che sperimenta e ricerca nuovi paradigmi di comunicazione e produce opere che fungono da volano per campagne di comunicazione.

Ulteriori informazioni: www.napolifilmfestival.com

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.