8 MARZO: TORTA MIMOSA FACILE PER TUTTI

L’8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, secondo un’usanza nata a Roma nel 1946 e che successivamente, si diffuse in tutt’Italia, si festeggia con un rametto di mimosa. Protagonista di quella scelta fu Marisa Rodano che dichiarò “poiché all’epoca le serre erano poche e non arrivavano fiori in aereo, a noi giovani romane vennero in mente gli alberi coperti di fiori gialli, quando ancora le piante erano spoglie, che crescevano rigogliosi in tanti giardini di Roma e dei Castelli”. La risposta ebbe un grande successo.

torta mimosa 2

Come preparare la torta per 6 persone

Per cucinare la torta Mimosa è necessario come prima di ogni cosa cosa avere in casa o preparare il pan di Spagna, che verrà utilizzato sia come base che come decorazione del dolce; la copertura dovrà ricordare i fiori della mimosa.

Per la farcitura classica prevede la crema pasticciera: bisogna poi, preparare anche la bagna al liquore e la panna montata.

Preparare prima di tutto il pan di spagna:  in una terrina mettere i tuorli di sei uova e 270 gr. di zucchero, da mescolare energicamente; unire 300 gr di farina setacciata a pioggia e una bustina di vanillina; incorporate delicatamente gli albumi già montati a neve. Imburrare e infarinare una teglia (oppure coprire con la carta forno) a bordi piuttosto alti, del diametro di circa 24 cm. Infornate a 180° C per circa 30/35 minuti.

Il pan di spagna una volta cotto, sfornarlo e lasciarlo raffreddare.

fetta torta mimosa.jpg

Preparare la crema pasticcera: in una casseruola mescolare 4 tuorli d’uovo con 6 cucchiai di zucchero, aggiungete poi 45 grammi di farina, la buccia di un limone grattugiata e un pizzico di vanillina. Mettere sul fuoco 450 ml di latte e quando sarà quasi bollente versarlo in piccole quantità sul composto, continuando a mescolare con la frusta. Mettere la casseruola sul fuoco, girando con un cucchiaio possibilmente di legno. A poco a poco, la crema si addenserà: togliere quindi dal fuoco e lasciarla freddare, continuando a mescolare di tanto in tanto per evitare che si formi la pellicola sulla superficie.

Per velocizzare il processo di raffreddamento si può mettere il composto in frigorifero e nel mentre montare a neve 270 gr di panna fresca e successivamente unirla alla crema pasticciera.

Per ottenere la bagna al liquore, far sciogliere in un pentolino 2,5 cucchiai di zucchero insieme a 220 ml di acqua e 2/3 cucchiai di liquore: cointreau all’arancia o il limoncello.

torta mimosa classica.jpg

Assemblaggio della torta. Prendere il pan di spagna e tagliare orizzontalmente la parte superiore, come se fosse un coperchio. Svuotate poi la base con molta cautela e tenere da parte la mollica che servirà per la copertura della torta.

Inumidire il pan di spagna spennellando la bagna al liquore, riempire la base con la crema pasticciera, senza finirla del tutto.

Chiudere la torta con la calotta del pan di spagna, pure lei bagnata con il liquore; ricoprire tutta la torta con la crema pasticciera rimasta e poi decoratela con le molliche di pan di spagna, che andranno distribuite uniformemente sulla superficie, formando una soffice cupola.

Lasciare la torta Mimosa in frigo per un’ora circa prima di servirla.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.