MALTEMPO, COLDIRETTI MANTOVA: MAIS ALLETTATO, TETTI SCOPERCHIATI E SERRE DISTRUTTE. Tromba d’aria e raffiche di vento tra Bozzolo, Rivarolo Mantovano, Asola e Redondesco

Ancora danni da maltempo sul mantovano, con raffiche di vento e trombe d’aria che hanno allettato il mais, scoperchiato tetti, fatto decollare serre. Ad essere colpito lo spicchio di territorio provinciale a ridosso del Cremonese, nei comuni di Bozzolo e Rivarolo Mantovano, ma anche a Redondesco, a Viadana e nell’Asolano. Il bilancio dei danni verrà fatto nei prossimi giorni, informa Coldiretti Mantova, che ha impegnato i propri tecnici sul territorio per i sopralluoghi.

mais allettato.jpgIn alcune zone fra Bozzolo e Rivarolo Mantovano sono stati allettati campi di mais, col rischio di perdita di prodotto fra il 20 e il 40 per cento.

 

Guido Lanfranchi, 55 anni, agricoltore di Redondesco con 34 ettari coltivati a mais, soia, pisello, borlotti e mais dolce a destinazione industriale, si è ritrovato ieri sera con il tetto del capannone parzialmente scoperchiato. “La copertura è volata a 50 metri di distanza – racconta -. È stata una vera fortuna, perché pochi secondi prima era passata la mietitrebbia, dopo la raccolta del grano. Se l’avesse colpita sarebbe stato un disastro”.

Effetto dei cambiamenti climatici e di bruschi rovesci meteorologici, fatto sta che l’azienda agricola di Lanfranchi da alcuni anni viene sistematicamente colpita. “Sei anni fa costruii l’impianto per il fotovoltaico – ricorda -. Una tromba d’aria ne distrusse un terzo. E lo scorso anno subì danni lo stesso tetto colpito ieri pomeriggio: 1.300 metri quadrati completamente sostituiti e rinforzati”.

tetto scoperchiato.jpgDanni anche alla serra di Vanessa Gandolfi, attivissima imprenditrice di Verdure Sott’Oglio, azienda agricola con vendita al dettaglio a Valli di Mosio, frazione di Acquanegra sul Chiese. “Una raffica di vento fortissima ha sollevato il telo, che era sotterrato – racconta -. Abbiamo perso 20 giorni di raccolto, che per noi è molto, essendo una piccola azienda”.

Oggi Vanessa Gandolfi ripristinerà la struttura e farà la conta dei danni a quella che era stata battezzata “l’Arca di Noè, per la biodiversità ospitata in serra, fra pomodori, melanzane, meloni”.

(ph di repertorio)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.