IN CASA DEL “NONNO VIOLENTO” DI CASTEL GOFFREDO, I CARABINIERI TROVANO ANCORA MOLTE ARMI E MUNIZIONI

Castel Goffredo, 19 aprileErano le ore 14.00 circa del 15 aprile quando i Carabinieri della Stazione di Castel Goffredo, a seguito di richiesta telefonica, intervenivano in un’abitazione di Castel Goffredo dove un uomo tentava di entrare con violenza nell’abitazione della figlia.

armi in casa del nonno violento.jpgGiunti sul posto, i militari constatavano la presenza della donna la quale riferiva che suo padre aveva aggredito lei ed il figlio con un tondino in acciaio, utilizzato anche per aprire la porta dell’abitazione. I Carabinieri rintracciavano ed arrestavano immediatamente l’uomo, B.B. 71enne del luogo.

Nella mattinata di oggi, domenica 19 aprile, i Carabinieri di Castel Goffredo, a conclusione di ulteriore attività d’indagine, hanno deferito “il nonno violento” anche per i reati di detenzione illegale di arma, alterazione di arma e detenzione illegale di armi, munizioni e parti di esse sia comuni da sparo che da guerra. Nello specifico ieri, durante una perquisizione effettuata presso un rimorchio in disuso parcheggiato nel piazzale attiguo all’abitazione dell’uomo, i militari hanno rinvenuto e sequestrato una pistola modificata, una carabina ad aria compressa modificata, un pugnale da sopravvivenza, una roncola, numerose munizioni di vario calibro, alcuni bossoli e munizioni da guerra, due ogive ed altro materiale. L’operazione scaturisce da un successivo approfondimento investigativo.

B.B., che è già detenuto presso il carcere Carlo Poma di Mantova per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni, percosse, violazione di domicilio e porto di armi ed oggetti atti ad offendere, dovrà ora rispondere al Giudice del Tribunale anche per i reati per i quali e stato deferito.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.