AMIANTO: IN ARRIVO IL BANDO PER LA RIMOZIONE

MILANO/MANTOVA – “Come abbiamo più volte chiesto, la Giunta ha deliberato, per il secondo anno consecutivo, i ‘Criteri per l’assegnazione di contributi ai cittadini per la rimozione di coperture e di altri manufatti contenenti amianto da edifici privati’, molto atteso dai cittadini”. Molto soddisfatta è la consigliera regionale del PD Antonella Forattini della decisione presa da Regione Lombardia di dare avvio ad un altro bando per la l’assegnazione di contributi per la rimozione di coperture e di manufatti contenenti amianto da edifici privati. La somma complessiva è di 1 milione di euro che si aggiunge a quelli del 2019.

Si tratta di una misura che verrà pubblicata sul Bollettino Ufficiale verso fine del mese di novembre e che partirà dal 18 gennaio 2021; da questa ultima data sarà possibile presentare la domanda per coloro che ancora si trovano nella condizione di dover rimuovere manufatti che vedano la presenza di amianto.

“Come gruppo regionale del Pd proponiamo stanziamenti per la rimozione dell’amianto ogni volta che si discute del bilancio regionale o del suo assestamento – ricorda Forattini –. Questo perché la Lombardia è ancora oggi una regione in cui la presenza di asbesto è consistente e le operazioni di bonifica sono non solo utili, ma addirittura indispensabili, viste le conseguenze per la salute che possono derivare da un deperimento dei manufatti o da un loro non corretto smaltimento”.

Quali sono, dunque, le novità?

“Regione stanzia, appunto, un milione di euro per questo tipo di interventi e stabilisce che il capitolo possa essere rifinanziato sia per il 2021 che per gli anni successivi – spiega la consigliera Pd –. Si tratta di finanziamenti a fondo perduto, fino alla concorrenza massima del 50% dell’importo della spesa ammissibile e, in ogni caso, con una soglia del contributo pari a 15mila euro per ogni intervento. I soggetti beneficiari sono i privati cittadini, quindi persone fisiche, anche associate in condomini, proprietari di edifici aventi qualsiasi destinazione d’uso”.

Tra le altre modalità, è previsto che saranno oggetto di finanziamento regionale le spese sostenute per la rimozione e lo smaltimento di manufatti contenenti cemento-amianto, vinyl-amianto, amianto friabile, oggetto di denuncia all’Ats competente alla data di presentazione della domanda di finanziamento. Le spese ammissibili sono, dunque, i lavori di rimozione dei manufatti contenenti amianto, i costi di trasporto e di smaltimento dei rifiuti di amianto, gli oneri della sicurezza e amministrativi relativi all’esecuzione dei lavori di rimozione dei manufatti (ponteggi, allestimento cantiere, predisposizione e presentazione piano di lavoro…), e l’Iva.

Le domande dovranno essere inviate tramite la piattaforma informatica www.bandi.servizirl.it e la valutazione delle domande avverrà sulla base dei criteri, sulla quantità dei manufatti contenenti amianto da rimuovere, sull’indice di degrado (per le sole coperture), sulla sostituzione con pannelli fotovoltaici o solari-termici (per le sole coperture).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.