SAN VALENTINO: SCEGLIERE UN OMAGGIO FLOREALE DEL TERRITORIO PER SOSTENERE I FLOROVIVAISTI MANTOVANI

La festa degli innamorati è alle porte e, in occasione di San Valentino, scegliere un omaggio floreale del territorio può aiutare i florovivaisti mantovani a proseguire sulla strada del rilancio, dopo che la pandemia Covid-19 ha seriamente rischiato di mettere in ginocchio il settore.

«Ci stiamo pian piano risollevando – spiega Massimiliano Bustaffa, presidente della sezione florovivaistica di Confagricoltura Mantova – anche se il mercato è indubbiamente cambiato.

Le forniture per eventi, feste e matrimoni sono giocoforza quasi azzerate, ma è aumentato il consumo privato. La gente sta più in casa e ama circondarsi di fiori e piante, che oltre ad un’importante funzione ambientale, contribuiscono anche a ridurre lo stress che tutti noi stiamo affrontando in questo periodo». Per San Valentino dunque «fiori e piante dei nostri florovivaisti sono consigliatissimi, dato che sono prodotti Made in Italy e di primissima qualità».

Maggiore sensibilità nei confronti del verde confermata anche da Ramona Zambelli di Zambelli Vivai, 85 ettari di produzione di alberatura ad alto fusto per giardini, parchi e viali nella zona di Canneto sull’Oglio: «Per il tipo di prodotto che vendiamo – spiega – abbiamo minore contatto con il privato cittadino, ma riscontriamo una maggiore sensibilità sul tema del verde urbano, con un deciso aumento del lavoro con amministrazioni comunali e giardinieri che si occupano di parchi e giardini, anche grazie ai bonus sull’acquisto di piante e alberi. Dall’altro lato, visto il calo delle richieste degli ultimi anni, alcune essenze vengono a mancare, ma auspichiamo che questa tendenza a inverdire possa continuare, dandoci il tempo di riavviare tutti i cicli produttivi richiesti».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.