SIMONA BENCINI: esce venerdì 8 ottobre il nuovo disco solista jazz UNfinished: in anteprima al Blue Note di Milano e al Bravo Caffè di Bologna

Dopo l’uscita del singolo “MOONLIGHT ON MY MIND” feat. FABRIZIO BOSSO, disponibile sulle principali piattaforme digitali e in rotazione radiofonica, l’8 ottobre esce UNfinished”, il nuovo disco solista di SIMONA BENCINI.

UNfinished”, che arriva a 10 anni dall’uscita di “Spreading love” (Groovemaster, Egea 2011), primo album di jazz crossover con LMG4tet, rappresenta l’uscita di Simona dalla “comfort zone Dirotta su Cuba” e la volontà di riprendere in mano un lavoro iniziato anni fa, con la complicità del forzato lockdown dello scorso inverno.

Simona Bencini presenta UNfinished” dal vivo in due imperdibili appuntamenti, accompagnata da Lmg 4tetgiovedì 7 ottobre in due set, di cui il primo già sold out, al BLUE NOTE di Milano e venerdì 8 ottobre al Bravo Caffè di Bologna.

Un album di 8 brani inediti, dal mood sofisticato e jazzy, scritti da compositori italiani e suonati da alcuni fra i più quotati musicisti jazz in Italia, carissimi amici di Simona: da Antonio Faraò a Fabrizio Bosso, da Julien Oliver Mazzariello a Max De Aloe passando per Dario Rosciglione e Luca Alemanno.

Simona Bencini e Fabrizio Bosso (ph. Marco Piraccini)

Merita una menzione speciale il brano “NON SO SE TU”Bruno De Filippi aveva fatto scrivere a Giorgio Calabrese, fra i più grandi autori di musica e trasmissioni televisive fra gli anni 60/70, un testo su un suo brano strumentale “April in Ny” perché gli sarebbe piaciuto che lo interpretasse una voce femminile. Nel 2003 Bruno scrisse una lettera a Simona e le spedì il brano chiedendole se avesse voluto cantarlo nel suo primo disco solista, ma la collaborazione non andò in porto perché Simona aveva preso altre direzioni.

“Dopo 17 anni finalmente ho deciso di inserire il brano in questo nuovo progetto, chiamando intorno a me un trio incredibile di musicisti: Antonio Faraò, pianista fuoriclasse apprezzatissimo anche da Herbie Hencock, Maxx Furian alla batteria e Marco Ricci al contrabbasso” commenta così Simona Bencini il brano.

“Unfinished” era un lavoro “incompiuto”, un progetto che avevo cominciato nel 2010 ma che si era poi interrotto a causa di varie vicissitudini poco dopo. Durante il periodo del primo lockdown, il senso di morte diffuso e di precarietà causato dalla pandemia ha sviluppato inevitabili reazioni, non sempre positive ovviamente, ma anche “costruttive”, dirette ad un miglioramento di sé e della propria vita – racconta Simona – C’è chi ha imparato a fare qualcosa di nuovo, chi ha deciso di rimettersi in forma, chi ha deciso che quella era l’occasione per cambiare lavoro e qualità della vita, chi ha deciso di rimettersi a studiare ecc. Ecco, io ho deciso di finire qualcosa che non avevo finito”.

(ph. Marco Piraccini)

Un album difficilmente etichettabile, sfaccettato, dove la Bencini ha fatto confluire tutti i mondi che ha frequentato nel corso di 25 anni di carriera: il funk, il soul, il jazz, lo swing, il pop. Tutto filtrato dal suo stile e dalla sua voce calda dal timbro inconfondibile carica di vissuto ed esperienza e dalla sua interpretazione che ha raggiunto ormai grande maturità e consapevolezza.

“È un album che non segue mode, che non si allinea alle esigenze del music business, so benissimo che sono in assoluta controtendenza, ma non m’importa.  Sono canzoni senza tempo e senza età, come il ritratto della cover di Pier Toffoletti dove la mia immagine non è riconducibile ad un’età fisica, potrei avere 20 anni come 50. Le melodie e gli arrangiamenti sono ricercati, le atmosfere sono volutamente vintage” – conclude Simona.

“E  solo successivamente alla scelta del titolo “Unfinished” – continua la Bencini – ho notato che in realtà in questo album  si trovavano canzoni   accomunate   da una “storia incompiuta” – come la ballad  “Non so se tu”  scritta da Bruno De Filippi  e Giorgio Calabrese ben 20 anni fa  ma solo oggi,  dopo tanti anni dalla scomparsa purtroppo dei suoi compositori, è stata  da me  interpretata –  o da “vite incompiute”,  come nel brano “You are The music” dedicato ad Amy Whinehouse scomparsa a soli 27 anni, o nel brano “Angel’s lullabye” dove la vita del piccolo “angelo” finisce ancora prima di cominciare”.

Queste le 8 tracce dell’album, che permettono di scoprire Simona Bencini non solo in veste di interprete ed autrice, ma anche di produttrice e discografica con la sua etichetta Sherazade Sound:

MOONLIGHT ON MY MIND feat. Fabrizio Bosso (Greco, Bencini): brano scritto e arrangiato da Massimo Greco, una ballad dedicata alla figlia Eva Luna in cui, con infinita dolcezza, Simona, autrice del testo, racconta tutto l’amore per lei.

Attualmente in rotazione radiofonica, è il singolo che ha anticipato l’uscita del disco; il video, realizzato da Andrea Basile

WHILE MY TIME IS RUNNING THROUGH e WONDROUS CHILD feat. Julien Oliver Mazzariello (Mauro Grossi): cover di due brani già editi scritti da Mauro Grossi, pianista e compositore jazz livornese, ispirati, sia musicalmente che da un punto di vista filosofico, al pensiero innovativo del compositore Eden Abhez.

A FLASH OF LIGHT feat. Julien Oliver Mazzariello (Pareti – Lombardi): ballad d’amore, con un’atmosfera degna di grandi orchestre e produzioni americane, scritta dal musicista contrabbassista toscano Raffaello Pareti e nel testo dalla cantante jazz Michela Lombardi.

YOU ARE THE MUSIC (Di Lenardo – Prunas): un rythm&blues dedicato alla grande artista e cantante Amy Whinehouse, prematuramente scomparsa a soli 28 anni.

ANGEL’S LULLABYE feat. LMG 4tet (Partipilo – Bencini): Intensa ballad suonata dalla formazione che accompagnerà Simona in tour con questo progetto, gli LMG 4tet: Mario Rosini, Mimmo Campanale, Gaetano Partipilo, Giorgio Vendola.

INTRO BRUNO: Questa intro è un tributo al grande artista e compositore Bruno De Filippi, un brevissimo estratto live del tema di “April in Ny”, titolo originale dallo standard composto da De Filippi scritto proprio durante un suo soggiorno a N.Y.

NON SO SE TU feat. Antonio Faraò (De Filippi – Calabrese): Lo standard “April in NY” dell’armonicista De Filippi con un testo inedito di Giorgio Calabrese che, dopo oltre 20 anni dalla sua composizione, viene interpretato dalla Bencini.

IT DON’T MEAN A THING feat. LMG4tet (Ellington, Mills): Unico standard della tradizione completamente riarrangiato presente nell’album.

La cover del disco è stata realizzata da Pier Toffoletti, artista friulano, che ha così commentato il suo lavoro: “Per la prima volta realizzo un’opera per la cover di un album, dal titolo “Unfinished”. Ho pensato che sarebbe stato nelle mie corde perchè i miei lavori presentano spesso parti incomplete, ma l’accenno che inserisco induce inconsapevolmente l’osservatore a vedere un’immagine compiuta, anche se non lo è. Mentre mi accingevo a lavorare sull’opera, Simona mi disse: ” Pier, metti come sottofondo alcuni miei brani e lasciati andare”. Così ho fatto. Il risultato è un ritratto particolare che esprime la più ampia dualità, con un occhio che scruta nell’ombra e l’altro che guarda la luce, dove si percepiscono le vibrazioni delle note grevi e l’energia di quelle più acute, insomma, Yin e Yang”.

Simona Bencini, voce e presenza inconfondibile dei Dirotta su Cuba, è una cantante sfaccettata, duttile che ha fatto della contaminazione e della trasversalità la sua cifra stilistica. Passa con agilità dal soul-funk dei Dirotta alla canzone d’autore di Pacifico ed Elisa, dal jazz più morbido allo swing delle big band, un genere quest’ultimo al quale si è appassionata negli ultimi anni. In realtà l’incontro con importanti rappresentanti della scena jazz avviene già agli inizi della sua carriera coi Dirotta su Cuba. Nel 1997 sale con lei sul palco del Festival di Sanremo, ospite del brano “È andata così”, il più grande armonicista del mondo Toots Thielemans.  Le collaborazioni dei Dirotta su Cuba con grandi musicisti proseguono all’interno dei loro album e durante i loro concerti: Giuseppe Milici, Bruno De Filippi, Mario Rosini, Gigi Cifarelli, Demo Morselli, Alfredo Golino, Mimmo Campanale. Nel 2001 Simona viene chiamata dal grande pianista ed amico Stefano Bollani per incidere piano e voce il brano “In cerca di te” all’interno dell’album “Abbassa la tua radio”. Alla fine della track entrano in perfetto stile dixieland Javier Girotto e Mirco Guerrini ai sassofoni ed un giovanissimo Gianluca Petrella al trombone. Il successo dell’album, dove oltre a Simona compaiono altri importanti artisti italiani della scena pop e jazz – Irene Grandi, Elio, Peppe Servillo, Barbara Casini  ecc.- impone presto la partenza di un tour con una super Band (Stefano Bollani, Enrico Rava, Ares Tavolazzi, Walter Paoli, Javier Girotto, Gianluca Petrella, Mirko Guerrini), tour che toccherà importanti festival e rassegne, fra cui il Premio Tenco e il Grey Cat, e che chiuderà in bellezza al Teatro Mancinelli di Orvieto ad Umbria Jazz Winter. Nel 2005 esce il suo primo singolo solista “QUESTA VOCE” (Warner), ballad intensa ed elegante scritta per lei da Pacifico, dove il pianoforte è suonato magistralmente da Stefano Bollani. Nel 2007 Simona verrà invitata a cantare nell’album del Parco Della Musica Jazz Orchestra, diretta da Maurizio Giammarco, album allegato a L’Espresso, in cui reinterpreta due brani di Mina, “Sabato Notte” e “Non gioco più”, mettendo a frutto così la sua collaborazione con la “Montecarlo Nights Orchestra” di Nick The Nightfly. Nel 2010 decide con l’amico Mario Rosini ed altri validissimi jazzisti della scena pugliese ( L.m.g. 4tet alias Mario Rosini, Mimmo Campanale, Gaetano Partipilo, Giuseppe Bassi) di mettere sù un tributo a Duke Ellington, progetto che si evolverá  e diventerà un vero e proprio album di inediti e standard, “Spreading love”, pubblicato nel 2011 da Groovemaster di Gegé Telesforo e distribuito da Egea  che verrà presentato al BlueNote di Milano nel Febbraio 2011. Questo primo album di jazz di Simona & LMG4tet, un incontro fra il jazz e la worldmusic, con influenze che vanno dal funky alla fusion, dalla musica brasiliana allo swing, ben recensito dalle riviste specializzate, le conferisce ufficialmente credibilità nell’ambito jazzistico e continuità nelle sue performance live con svariate formazioni in tutta Italia. Nel 2015 parteciperà ad Umbria Jazz Winter ad Orvieto con i Dirotta su Cuba riscuotendo un grande successo. Nel 2017 salirà sul palco con i Dirotta su Cuba per una funky night insieme ad Incognito, Fabrizio Bosso e Mario Biondi. Nel 2018 Simona viene invitata a cantare nell’album “Historias” di Alessio Menconi, superbo chitarrista jazz, il celebre standard “Nature Boy”. All’ album partecipano Dado Moroni, Marco Fadda, il Trio Bobo, Gilson Silveira e molti altri. Nel 2019 viene chiamata dal pianista fuori classe Antonio Faraò come vocalist in alcuni suoi concerti del tour “Eklektik” con una super-band composta fra l’altro da Gary Granger al basso, da Dennis Chambers alla batteria e da Chase Baird al sax.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.