ASOLA: CONTROLLI CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19. I CARABINIERI SETACCIANO ATTIVITÀ E AZIENDE

Ad Asola, dalle prime ore del mattino del 15 ottobre, vi è stato un massivo spiegamento di Carabinieri, capeggiati dal Comandante della locale Stazione, finalizzato al controllo della certificazione verde covid-19 negli ambiti lavorativi pubblici e privati.

I militari addetti al controllo delle attività private hanno fatto accesso, per le ore 10.00, presso un noto locale di via Parma di Asola. Un bar con somministrazione di alimenti e bevande. I militari all’atto del controllo hanno subito appurato che il titolare era privo di certificazione verde idonea a svolgere quella professione, come previsto dal Decreto Legislativo 21 settembre 2021 art. 3.

Il titolare, nonché lavoratore, è stato segnalato al Prefetto di Mantova per l’emissione della pesante sanzione amministrativa che oscillerà tra 600 e 1.500 Euro. Ma di fatto non è bastato. Gli stessi militari, al pomeriggio, intorno alle ore 15.00, hanno altresì accertato che anche la preposta al servizio pomeridiano era priva di certificazione verde covid-19. Anche per quest’ultima è scattata la segnalazione al Prefetto di Mantova per l’emissione della sanzione pecuniaria.

I controlli nel territorio Asolano sono continuati per tutto il pomeriggio e hanno interessato attività pubbliche e di ritrovo giovanile ove non sono state accertate violazioni.

Nella serata, intorno alle 19.30, i Carabinieri hanno effettuato un accesso per ispezione presso la sala giochi ad insegna “LAS VEGAS” ubicata in via Mazzini di Asola.

I militari dell’Arma, una volta entrati, hanno subito accertato la totale mancanza delle previste misure di contenimento e prevenzione covid-19. Il locale era sprovvisto del gel sanificante, cartellonistica di avviso numero avventori previsti e segnaletica. Il titolare, come se nulla fosse, girovagava per la sala e serviva ai tavoli senza indossare alcun tipo di dispositivo di protezione delle vie respiratorie. Anche gli avventori presenti in sala slot non indossavano la mascherina.

Per il titolare è subito scattata la sospensione dell’attività commerciale unitamente a 1.200 Euro di sanzioni amministrative pecuniarie. Adesso la decisione sul protrarsi della sospensione sarà a cura del Prefetto di Mantova.

Nell’ultimo periodo, l’attività della sala slot “LAS VEGAS” di Asola è stata oggetto di numerosi interventi da parte dei Carabinieri di Asola che hanno portato a due sospensioni per violazioni alle normative del T.U.L.P.S. nonché all’applicazione dell’Art. 100 TULPS in quanto frequentata da pregiudicati e teatro di tumulti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.