BAGNARA DI ROMAGNA – ANCORA UN TRIONFO PER I POPOLI POP CUL FESTIVAL

L’atmosfera bagnarese è stata definita da Carlo Lucarelli come «l’emozione della cultura»

Popoli Pop Cult Festival 2022, Bagnara di Romagna – foto di Marco Martini

Un tripudio di culture ha animato Bagnara di Romagna dall’1 al 4 settembre: nonostante le iniziali incertezze dovute al meteo, anche quest’anno il Popoli Pop Cult Festival si è confermato un grande successo, capace di rinnovarsi e innovarsi attraverso una formula di condivisione e integrazione diventata un vero e proprio «marchio di fabbrica» delle estati del piccolo borgo medievale.

Ben 20 gli stand, provenienti da altrettanti Paesi: Albania, Angola, Argentina, Armenia, Brasile, Camerun, Croazia, Filippine, Francia, Grecia, Germania, Georgia, Marocco, Messico, Perù, Romania, Thailandia, Vietnam, Pakistan e «la Plaza latína». Di questi, tre erano alla loro prima partecipazione (Francia, Armenia e Georgia), e hanno già confermato la loro adesione anche per la prossima edizione.

Popoli Pop Cult Festival 2022, Bagnara di Romagna – foto di Marco Martini

«Tra le tante lingue che si sentono a Bagnara, quella che prevale è il linguaggio del cuore»: con queste parole i francesi hanno definito l’atmosfera del festival, che per loro era una novità.

Anche Carlo Lucarelli, in incognito, ha partecipato al Popoli di quest’anno, definendolo «l’emozione della cultura».

L’edizione di quest’anno, dedicata ai Balcani a 30 anni dai grandi sbarchi dell’esodo albanese verso le coste italiane (1991-1992), «ha acceso una miccia sulle danze», come raccontano gli organizzatori, stimolando in tanti luoghi del borgo balli anche improvvisati, contribuendo a rendere l’atmosfera di festa avvolgente e completa.

Popoli Pop Cult Festival 2022, Bagnara di Romagna – foto di Marco Martini

Il concorso gastronomico «Il piatto più buono – Eurovo per Popoli 2022», con una giuria tecnica presieduta da Kateryna Gryniukh, ha visto trionfare il Messico con il piatto «Huarache» fatto con la foglia di fico d’India (Nopal) e ripieno di fagioli, insalata, avocado, formaggio fresco; secondo classificato il Vietnam con il piatto «Banh Xeo», una crespella leggerissima, sottile e croccante alla curcuma; terza la Thailandia con il piatto «Pad Thai», tagliolini di riso saltati con uova, gamberetti, germogli di soia e carote. Un premio speciale è andato infine alla Romania per il suo piatto «Chec, salam de Biscuit e Curnulete», dolce tipico della loro tradizione.

«Il concorso sta diventando un importante stimolo per fare crescere di anno in anno la qualità delle proposte gastronomiche – racconta Massimo Bellotti, direttore artistico del Popoli -. Tutti i partecipanti ci tengono molto a superarsi e a stupire anche con nuove proposte e questo entusiasmo si traduce in opportunità sempre nuove anche per il pubblico».

Popoli Pop Cult Festival 2022, Bagnara di Romagna – foto di Marco Martini

Il premio Popoli, che dal 2016 viene assegnato a personalità che si siano distinte a livello nazionale e internazionale per aspetti umanitari e solidali, diplomatici, scientifici e divulgativi, ambientali e culturali in genere, quest’anno è andato a Toni Capuozzo. Il giornalista è stato scelto per «la sua professione, condotta con passione e competenza, e nello specifico per la sua esperienza iugoslava, durante la quale ha compiuto una scelta umanamente profonda ed encomiabile, salvando una giovanissima vita». Il premio sarà consegnato a Capuozzo durante una conferenza dedicata ai conflitti nell’ex Jugoslavia che si terrà a Bagnara il 27 novembre prossimo.

Un altro premio, tornato dopo alcuni anni di fermo a causa della pandemia, è stato assegnato ad Alin Ghirean, in qualità di vincitore dell’Estemporanea d’arte Popoli – sezione fotografia. Alin è un ragazzo che risiede e lavora a Bagnara ed è di origini rumene, nazione all’interno della quale è presente una regione che rientra nell’orbita balcanica, come ha ricordato dal palco, nel corso della premiazione di domenica sera. Mattia Galli, presidente della Proloco di Bagnara, ha ringraziato tutti i volontari che hanno dato il loro contributo fondamentale e silenzioso alla riuscita dell’evento: «senza di loro il nostro festival della condivisione non sarebbe possibile».

Popoli Pop Cult Festival 2022, Bagnara di Romagna – foto di Marco Martini

Il Popoli Pop Cult Festival è stato organizzato dal Comune di Bagnara di Romagna con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, il patrocinio dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, in partnership con la Proloco di Bagnara e la collaborazione di associazioni e privati cittadini. Molti i sostenitori, tra i quali Gruppo Eurovo, Edilizia Reale Srl e l’olandese Van der Plass Sprouts rappresentano gli sponsor più importanti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.