POSTUMIA PRESENTA LE MOSTRE: La posta nell’impero romano tra la Postumia e l’Aemilia e I Magistrati monetari della Gens Postumia e le loro monete

Associazione Postumia di Gazoldo degli Ippoliti, domenica 25 settembre a partire dalle ore 16:00, inaugura le mostre “DE ITINERE EPISTULAE” (Viaggio di una lettera) La posta nell’impero romano tra la Postumia e l’Aemilia di SERGIO LEALI e VALERIA MENICHINI e “I Magistrati monetari della Gens Postumia e le loro monete (134-43 a.C.)”.

Sulle strade romane di 2000 anni fa, alla scoperta di una grande rete viaria che attraversava la pianura padana tra la via Postumia e la via Emilia: l’innovativo servizio di posta, i tanti mezzi di trasporto, la monetazione e le merci di scambio, gli imperatori e i protagonisti di una grande storia, vista con la lente del postalista ma con un taglio didattico che la rende accessibile ad un pubblico molto vasto.

“VIAGGIO DI UNA LETTERA – sottolinea il direttore artistico di Postumia, Nanni Rossi – di una strana lettera che percorre una via consolare romana di oltre duemila anni fa, la Postumia. La chiamerei, per accrescerne il fascino, una lettera davvero in itinere che si arricchirà, cammin facendo (è questa la nostra spes!), durante il suo percorso proprio lungo il tratto mantovano tra l’Oglio e il Mincio della via consolare, dalla costruzione della “via levata” risalente al 148 a.Cristo sino ai secoli delle grandi migrazioni seguite al crollo dell’impero romano d’Occidente, alle occupazioni cosiddette barbariche, agli insediamenti longobardi, all’affermarsi della fede cristiana e delle sue vestigia… Sembra un’enormità, che compiremo per gradi lungo questo autunno della modernità, che speriamo non sia uggioso come si preannuncia; mentre costruiamo con paziente fiducia (e con tante simpatie) il nostro agognato “POSTUMIAE ANTIQUARIUM”, lo scrigno archeologico appunto della via Postumia in terra mantovana ed i suoi dintorni, storici, documentari, di nuove ricerche. Con leggerezza, se possibile, ma anche con grande rigore scientifico e con una partecipazione che esca dagli schemi della pura e semplice curiosità temporanea. Un piccolo (e che piccolo!) esempio? La riscoperta della monetazione della “gens Postumia” (una gens potentissima a Roma in epoca repubblicana proprio nel periodo in cui ai suoi consoli venne intitolata la via Postumia – a cavallo del secondo secolo avanti Cristo – e sino alla congiura di Bruto che portò all’assassinio di Giulio Cesare ed all’affermazione di Ottaviano Augusto. I Postumii allora furono perdenti: avevano scelto di stare con Bruto. Ma così, non fu, ad esempio, per Publio Vergilius Maro che certamente percorse la via a loro intitolata per lunghi tratti per recarsi agli studi cremonesi prima e poi milanesi, e per prendere poi le strade che lo portarono all’imperatore. Tratti di strade che acquistano o perdono importanza a seconda dei periodi storici e che ritroviamo sino ad oggi, passando anche per il nostro recente Risorgimento, poco conosciuto nelle nostre contrade eppure sempre capace di darci spunti straordinari, a partire da personaggi quali Ippolito Nievo (pure lui indefesso camminatore da Fossato o da Sabbioneta verso Cremona, o Milano o l’agognata ma inospitale Mantova). Tutto questo vorrà essere il tragitto di una lettera, o meglio di un grande progetto, che da essa prende le mosse, con modalità, strumenti e pensieri i più diversi e complessi. Ma con una grande certezza: si sono mossi energie umane, intellettuali nonché grandi valori, che ci fanne davvero ben sperare!

Allestimento a cura di MAURA BERNINI, ALDO CIGOGNETTI, ANGELO LUNGHI e GIANNI VACCARI illustrerà la sua straordinaria raccolta il numismatico di origini gazoldesi FRANCESCO TOMMASI

Introduzione e inquadramento generale di ROBERTO NAVARRINI e IAMES TIRABASSI.

Il pomeriggio d’intrattenimento prosegue con un concerto per mandolino e chitarra con LINO PÀNCARI e HENRY FERRI, presentazione dei brani a cura di ELISABETTA BACCARA

L’evento gode del patrocinio della Provincia di Mantova e del Comune di Gazoldo degli Ippoliti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.