GAZOLDO D/IPPOLITI – ARTE, RELIGIONE e MUSICA SI INCONTRANO ALLA POSTUMIA

Domenica 28 APRILE alle ore 17.00 presentazione del libro di monsignor ROBERTO BRUNELLI “SANTI A MANTOVA” (Tre Lune Ediz.) presso l’associazione Postuma di Gazoldo degli Ippoliti nella sede di Rocca Palatina – Palazzo Pacchelli Bosoni (via Marconi 123). Con l’autore dialoga l’editore LUCIANO PARENTI.

Con quelli ufficialmente riconosciuti dalla Chiesa, il sentire comune considera santi tanti altri uomini e donne di vita esemplare. I venti secoli di cristianesimo a Mantova ne hanno conosciuto un largo numero: questo libro si occupa di loro.
Continua a leggere

GAZOLDO D/ IPPOLITI: Ospiti della Postumia: il pittore FABIO FILIPPINI, IL DESIDERIO Ensemble Madrigalistico e la scrittrice ADRIANA ASSINI

FILIPPINI.jpgIl 25 aprile Festa della Liberazione, l’Associazione Postumia nella sede di Rocca Palatina – Palazzo Pacchelli Bosoni sito in via Marconi 123 inaugura la mostra La montagna e il mito di Prometeo del pittore FABIO FILIPPINI curata da Edoardo Bassoli.

“ … Rocce e vette che assumono forme tali da renderle al pari di esseri viventi, contenitori dell’animo: nell’abbraccio della natura, vissuta e descritta, l’artista sa trovare quella libertà che spesso nel nostro quotidiano viene tragicamente negata” (Franco Bulfarini, 2007)

FABIO FILIPPINI nasce a Torricella di Motteggiana il 12 settembre del 1949. Frequenta l’Istituto Arti e Mestieri di Suzzara e si avvicina alla pittura negli anni Settanta. I primi lavori artistici lo vedono interprete di vedute del “suo” fiume, il Po. Continua a leggere

GAZOLDO D/IPPOLITI – I gemellaggi virtuali di POSTUMIA con la FONDAZIONE DON PRIMO MAZZOLARI

don BRUNO BIGNAMI.jpgDOMENICA 14 APRILE ORE 17.00 appuntamento a Rocca Palatina-Palazzo Pacchelli Bosoni  di Gazoldo degli Ippoliti con I gemellaggi virtuali di POSTUMIA e la FONDAZIONE DON PRIMO MAZZOLARI DI BOZZOLO, conferenza di don BRUNO BIGNAMI presidente della Fondazione don Primo Mazzolari di Bozzolo.

Don Primo Mazzolari – dall’interventismo a “Tu non uccidere”

don primo mazzlari.jpg

La pace è un bene universale, indivisibile dono e guadagno degli uomini di buona
volontà. La pace non si impone (“non ve la do come la dà il mondo”): la pace si offre
(“lascio a voi la pace”). Essa è il primo frutto di quel comandamento sempre “nuovo”
che la germina e la custodisce. “Vi do un nuovo comandamento: amatevi l’un l’altro” .
La pace non sarà mai sicura e tranquilla fino a quando i poveri, per fare un passo
avanti in difesa del loro pane e della loro dignità, saranno lasciati nella diabolica
tentazione di dover rigare di sangue la loro strada. Senza giustizia non c’è pace “opus
iustitiae, pax” –  don PRIMO MAZZOLARI (1890-1959) da Tu non uccidere

truffelli e benatti.jpg

A SEGUIRE CONCERTO PER FLAUTO E PIANOFORTE

LUCA TRUFFELLI, flauto
CARLO BENATTI, piano

Musiche di Morlacchi, Popp, Doppler, Rutter e Castelli

Luca Truffeli - flauto3

LUCA TRUFFELLI Nato a Mantova, si è diplomato in flauto traverso presso il Conservatorio Lucio Campiani di Mantova sotto la guida della Prof.ssa Anna Mancini. In seguito ha frequentato i Corsi di Alto Perfezionamento Musicale, tenuti all’Accademia Chigiana di Siena dal M° Severino Gazzelloni, ed all’Accademia F.Liszt di Budapest, specializzandosi nella letteratura flautistica dell’Ottocento e del Novecento. Svolge intensa attività concertistica sia in Italia che all’estero collaborando spesso, in veste di solista, con varie orchestre. È stato invitato a suonare prime esecuzioni assolute al Festival Mercadante di Altamura, al Premio V.Bucchi e L.Tempesta di Roma in Campidoglio ed al Palazzo del Quirinale alla presenza del Capo dello Stato. Ha effettuato incisioni discografiche eseguendo autori come S.Mercadante, H.Hertz, A.Glazunov, T.Fortman, per le case Jupiter, Bongiovanni, Pentaphon, Phoenix, alcune delle
quali in prima registrazione mondiale. Il suo costante impegno ha dato vita a diversi gruppi cameristici stabili tra i quali; Arabesque Ensemble, compagine cameristica ad organico variabile con la quale collabora stabilmente dal 1993, il Wonders Trio con la soprano Wonsory e il pianista Carlo Benatti, il MantoQuartettPianoTrio con flauto, clarinetto, fagotto e pianoforte, svolgendo un repertorio che spazia dalla musica classica
all’operetta, dalla musica da film alle canzoni d’autore. Ricopre il ruolo di primo, secondo flauto e ottavino in diverse orchestre da camera e sinfoniche svolgendo repertori lirici e sinfonici. Ha tenuto corsi di perfezionamento in flauto e musica cameristica a Pustumia (Slovenia), Palmi, Como, Mantova, Pretoro (Ch), Ossiach (Austria).

Vincitore del Concorso ministeriale per esami e titoli, ha prestato servizio presso i
Conservatori di Cagliari e Reggio Calabria, attualmente è titolare della cattedra di Flauto presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Como.

Carlo Benatti copia

CARLO BENATTI nato a Mantova, si è diplomato a pieni voti presso il Conservatorio di Musica Lucio Campiani della stessa città in Pianoforte, Organo, Canto Gregoriano e Composizione Organistica, Musica Corale e Direzione di Coro, Musica Vocale da Camera per il repertorio liederistico al pianoforte. Si è perfezionato alla scuola Diocesana di Brescia, all’Accademia Ambrosiana di Musica da Camera di Milano, all’Accademia Chigiana di Siena, alla Scuola Hugo Wolf di Acquasparta, a Monaco di Baviera, a Monza. Ha tenuto concerti, in particolare in qualità di organista ma anche nella veste di pianista, direttore di coro e componente d’orchestra, in Italia, Francia, Germania, Lettonia, Spagna, Austria, Croazia, USA e Russia. e svolge tutt’oggi intensa attività concertistica. Ha al suo attivo alcune pubblicazioni edite dalle note case editrici musicali Bardon Enterprises, Carrara ed Eridania. Ha realizzato diverse incisioni discografiche, alcune delle quali in prima registrazione mondiale, in qualità di organista e pianista, per le note case Bongiovanni di Bologna, La Bottega Discantica di Milano e Rainbow. Si occupa della valorizzazione del patrimonio musicale mantovano ed è direttore artistico della rassegna “Organi Storici Mantovani” e collaboratore nella
rassegna “Ottobre Organisco” di Mantova. È vicepresidente dell’Associazione Culturale Amici del Conservatorio Lucio Campiani di Mantova.

Attualmente è titolare, come pianista accompagnatore nelle classi di canto e pratica dell’accompagnamento, presso il Conservatorio “E. Dall’Abaco “di Verona.

GAZOLDO D/IPPOLITI – APRE LA PRIMA RASSEGNA de L’OFFICINA DI CERAMICA DI PIAZZETTA POSTUMIA

ceramica.jpgL’OFFICINA DI CERAMICA DI PIAZZETTA POSTUMIA presenta la prima rassegna dei propri lavori artistici sul tema La ceramica mantovana tra Trecento e Seicento nel contesto rinascimentale gonzaghesco e del feudo degli Ippoliti. 

La nostra Officina di Ceramica mette le ali: è una soddisfazione, perché viene da una lunga ultra decennale incubazione. Dichiara Nanni Rossi, direttore artistico dell’Associazione Postumia di Gazoldo degli Ippoliti – Mette le ali (si tratta del 1° incontro) anche l’idea di “riabilitare” la politica, restituendole quegli aspetti di riflessione e di approfondimento che l’oggi sembra aver dimenticato. Se vuoi, anche con qualche nostalgia e qualche malizia.
Iniziamo soft, ma sarà un crescendo rossiniano!”

Continua a leggere

GAZOLDO D/IPPOLITI – PATRIE INTERIORI di ANA DANCA ARRIVA ALLA POSTUMIA

Patrie interiori  di ANA DANCA (Gilgamesh Edizioni), verrà presentato alla Postumia di Gazoldo degli Ippoliti nella sede di Rocca Palatina-Palazzo Pacchelli Bosoni (via Marconi 123). domenica 7 aprile alle ore 17.00. a dialogare con l’autrice, l’editore DARIO BELLINI.

patrie interiori

È un romanzo potente, ancestrale che si apre con la forza della natura, l’entrata nel bosco, e prosegue alla riscoperta di un mondo fanciullo pieno di rabbia, dolore e bellezza. Volendo usare una metafora per esprimerne la portata, diremmo che si avverte la presenza del padre Zeus e della figlia Atena, nata dalla testa del padre stesso che la inghiotte prima che nasca. E qui la parte di Atena, che nella mitologia greca difende gli eroi che compiono il bene e parteggia per le donne, la fa la protagonista del romanzo, una madre e una creatura generosa che viaggia come Ulisse per ritrovare appunto la sua “patria interiore”. Continua a leggere

GAZOLDO D/IPPOLITI – LE PASTE DI GOZZANO: Breve viaggio in cucina tra poeti, letterati e cantanti 

Io sono innamorato – di tutte le signore – che mangiano le paste – nelle confetterie.
Signore e signorine – le dita senza guanto – scelgon la pasta. – Quanto ritornano bambine!…”
(Guido Gozzano)

le paste di gozzano.jpg

LE PASTE DI GOZZANO Breve viaggio in cucina tra poeti, letterati e cantanti 
a cura di MARIANO VIGNOLI, sarà il tema principe che si terrà domenica 17 febbraio a partire dalle 16.00 all’Associazione Postumia di Gazoldo degli Ippoliti (piazzetta Postumia 2). L’incontro è aperto a tutti e al termine, degustazione delle paste della premiata Pasticceria Zaninelli del luogo. Continua a leggere

GAZOLDO D/IPPOLITI – POSTUMIA: Presentazione del libro di ITALO UNGARI “QUANDO C’ERANO I CAPPELLETTI”

quando c'erano i cappelletti.jpgDOMENICA 10 FEBBRAIO all’Associazione Postumia di Gazoldo degli Ippoliti (piazzetta Postumia 2) a partire dalle ore 16.00 si potrà assistere  al Gemellaggio simbolico di Postumia con i desenzanesi!” con la presentazione del libro di ITALO UNGARI QUANDO C’ERANO I “CAPPELLETTI” … per ripercorrere insieme la storia di Rivoltella e Desenzano.

“… ho scritto il libro che avrei desiderato leggere quando sono venuto ad abitare sulle rive del lago di Garda” dice Italo Ungari, cremonese trasferitosi nel Milanese per ragioni di lavoro e approdato infine a Rivoltella con la moglie Albertina. Continua a leggere

GAZOLDO D/IPPOLITI – POSTUMIA RICORDA LA SHOAH con MARIA BACCHI, ELEONORA CAZZANIGA e STELLA BASSANI

Una bambuna in fuga copiaDomenica 3 febbraio sarà il giorno che l’associazione Postumia di Gazoldo degli Ippoliti dedica al ricordo della Shoah.

A partire dalle ore 16,00 nella sede di piazzetta Postumia 2, presentazione del libro autobiografico di Lidia Gallico «UNA BAMBINA IN FUGA. Diari e lettere di un’ebrea mantovana al tempo della shoah» (Gilgamesh Edizioni), con introduzione di Eleonora Cazzaniga e Maria Bacchi che ha curato la prefazione del volume. Continua a leggere

GAZOLDO D/ IPPOLITI – ITALO REMO PORTIOLI insignito del “Premio Postumia/Europa 2019”

Portioli.jpgDOMENICA 13 GENNAIO a partire dalle 15.30 alla Postumia di Gazoldo degli Ippoliti (piazzetta Postumia 2), si parlerà dei 40 anni di Servizio Sanitario Nazionale e di come è cambiata la nostra salute con una “Lectio magistralis” di ITALO REMO PORTIOLI che in tale occasione, sarà insignito del “Premio Postumia/Europa 2019”.

Interverranno: VITTORIO CARRERI, ARNALDO CIPRIANI, MARCO COLLINI, MAURIZIO GALAVOTTI, GIANNI GIORGI, GUERRINO NICCHIO, NANNI ROSSI, GIOVANNI SCAGLIONI, BRUNO TABACCI, FRANCO TADDEI. Continua a leggere

GAZOLDO D/IPPOLITI – POSTUMIA APRE IL NUOVO ANNO CON IL CONCERTO DI ARPA E VIOLINO IN RICORDO DI LUCA RIZZI

Si apre un nuovo importante anno di attività artistica e culturale all’Associazione Postumia di Gazoldo degli Ippoliti. Domenica 6 gennaio appuntamento alle ore 16.00 nel salone degli stemmi di Rocca Palatina-Palazzo Pacchelli Bosoni di via Marconi 123 – per un concerto con EVA PERFETTI, arpa PAOLO GHIDONI, violino, in ricordo di Luca Rizzi.

Continua a leggere