Al TEATRO MINIMO debutta “SGANARELLO, OVVERO IL CORNUTO IMMAGINARIO” di Molière per la regia di SEGIO DE MARCHI

MANTOVA – Sabato 17 dicembre riapre il Teatro Minimo con la commedia “Sganarello, ovvero il cornuto immaginario” di Molière per la regia di Sergio De Marchi. Seguiranno altre 11 rappresentazioni: dal 17 dicembre 2022 al 15 gennaio 2023.

Protagonista della commedia è Sganarello, uomo semplice che suo malgrado viene coinvolto in una complicata storia d’amore contrastato che vede contrapporsi Gorgibus, borghese più attento al denaro che ai sentimenti, a Celia, sua figlia, e Lelio, il suo giovane innamorato che si trova lontano. Un disgraziato equivoco viene a ingarbugliare la vicenda e pone i due giovani innamorati uno contro l’altro, così che, complice anche un ritratto che passa di mano in mano, le coppie di amanti si intrecciano e si scambiano fino al chiarimento finale.

Sganarello è la prima opera molieriana in cui sia studiata (sebbene sotto un aspetto esclusivamente comico) la gelosia.

La storia non è altro che una colorata girandola di presunti tradimenti in cui, per uno strano e semplicissimo gioco di coincidenze, si inseguono corna ed equivoci su cui simpaticamente domina la figura irruente e sanguigna, ma anche vigliacca e finto perbenista, di Sganarello.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.