BANDO MONTAGNA PER GIOVANI COPPIE E FAMIGLIE. TARUFFI e LORI: “Prese in carico altre 175 domande per contributi a fondo perduto”

La Regione approva la graduatoria del Bando Montagna 2022 da 5 milioni di euro per il solo acquisto dell’abitazione dove andare a risiedere. Esclusa stavolta la ristrutturazione per non sovrapporsi con il beneficio del superbonus 110%. I dati per provincia.

Bologna – La Regione Emilia-Romagna per il terzo anno consecutivo offre un sostegno economico a chi sceglie di trasferirsi in uno dei 121 comuni di montagna dell’Appennino emiliano-romagnolo, per comprare una casa da adibire a propria residenza abituale per almeno cinque anni.

contributi a fondo perduto sono compresi tra un minimo di 10mila e un massimo di 30mila euro, e comunque non potranno superare il 50% delle spese sostenute per l’acquisto dell’immobile.

La Regione ha infatti approvato in questi giorni la graduatoria del Bando Montagna 2022, pubblicato a ottobre, rivolto a giovani coppie e famiglie, anche composte da una sola persona, in cui il richiedente del contributo regionale non abbia più di 40 anni di età.

“Quando parliamo di Appennino emiliano-romagnolo, parliamo di 121 Comuni che coprono il 40% del territorio regionale e in cui vivono 450mila cittadini- affermano l’assessore alla Montagna, Igor Taruffi, e l’assessora alle Politiche abitative, Barbara Lori-. Un’area, dunque, tutt’altro che marginale che è e va vista come un grande propulsore di economia, cultura, enogastronomia, turismo e di tutto ciò che ha da offrire. Non può esserci crescita- chiudono- senza una reale valorizzazione dei territori, delle aree interne e di quelle più svantaggiate, che deve necessariamente passare per nuove politiche di contrasto all’abbandono. Politiche su cui la nostra Regione è impegnata da anni”.

Entro il prossimo marzo saranno dunque finanziate le prime 175 nuove domande di contributo con i 5 milioni di euro stanziati: una dotazione che porta a mille il totale di richieste soddisfatte per 25 milioni di euro complessivi messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna per questa iniziativa, che punta a sostenere la rivitalizzazione e il ripopolamento delle aree montane, e a favorire nuove opportunità di sviluppo e valorizzazione dei Comuni appenninici.

Il nuovo intervento finanzia solo interventi di acquisto e non di riqualificazione (come avveniva nei bandi precedenti). Una scelta dettata dalla necessità di evitare sovrapposizioni con le diverse misure e benefici nazionali- a partire dal superbonus 110%- che già prevedono agevolazioni soprattutto sul piano fiscale per sostenere interventi di ristrutturazione. Oltre che dalla volontà di rendere più veloci le procedure di erogazione dei contributi, che possono essere assegnati solo a consuntivo.

Come previsto nel bando, le domande ammissibili ma non finanziate per esaurimento dei fondi conservano validità per i 12 mesi successivi all’approvazione della graduatoria, per consentire l’eventuale finanziamento delle stesse nel caso di disponibilità di ulteriori risorse finanziarie.

Contributi e beneficiari

Il contributo è a fondo perduto e varia da un minimo di 10 mila euro per alloggio a un massimo di 30 mila euro, comunque non superiori al 50% delle spese sostenute in caso di acquisto dell’immobile. 

Beneficiari della misura giovani coppie e nuclei famigliari, anche composti da una sola persona, in cui almeno uno dei componenti (ad esclusione dei figli) sia nato dopo il 1^ gennaio 1982 (età massima 40 anni) e abbia la residenza anagrafica in Emilia-Romagna o comunque svolga un’attività lavorativa esclusiva o principale nel territorio regionale; tra i requisiti anche l’Isee inferiore a 50mila euro.

Il bando prevedeva inoltre punteggi aggiuntivi per le famiglie con uno o più figli conviventi; per le persone con meno di 30 anni; per chi svolgeva già un’attività lavorativa in un Comune appenninico; per chi abitava in un Comune non montano, ma disposto a trasferire la propria residenza in un Comune montano. Altri requisiti premianti anche quelli riferiti alla localizzazione dell’immobile. Un punteggio più alto è stato infatti attribuito a chi ha risposto al bando con l’intenzione di acquistare casa in uno dei Comuni con gli indici di decremento demografico, vecchiaia e reddito più svantaggiati.

I primi interventi finanziati per provincia

Su 175 interventi al momento finanziati, 32 sono nei Comuni montani di entrambe le province di Modena e Parma, rispettivamente per 929.100 e 885.750 euro di contributo regionale; 28 quelli in provincia di Bologna per 782.500 euro; 21 in provincia di Rimini per 597.300 euro; poi 19 in provincia di Piacenza per 540mila euro, 17 nella provincia di Forlì-Cesena per 494.700 euro e 15 i progetti per 424.500 euro in provincia di Reggio Emilia; infine 11 gli interventi finanziati nel Ravennate, per 330mila euro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.