SPICOLOGO IN COMUNE, IL BILANCIO DEI PRIMI TRE MESI: 87 SEDUTE PER 24 PERSONE

Il Comune di Mantova, per rispondere al mandato dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) e ai nuovi bisogni emersi dal territorio tra cui l’esigenza da parte di famiglie e cittadine e cittadini di supporto e orientamento nel fronteggiare temi dovuti all’acuirsi del disagio provocato dalla “coda lunga” dell’emergenza Covid-19 di stretta pertinenza delle discipline psicologiche, ha voluto impegnarsi con l’attivazione di un servizio sperimentale denominato “Psicologo in Comune”.

La sperimentazione, partita a ottobre 2022, ha riscosso importante consenso da parte della cittadinanza e i dati e le osservazioni raccolte nell’ultimo trimestre dell’anno, hanno portato il Comune di Mantova a confermare il proseguo di tale servizio.

“Si tratta di una scelta amministrativa netta e pragmatica a partire dal livello istituzionale più prossimo ai cittadini per porre in essere una misura reale di welfare di prossimità in termini di servizi di sostegno psicologico accessibili alla cittadinanza”, ha dichiarato Chiara Sortino, assessore alle Politiche per la Famiglia.

“Psicologo in Comune” è un servizio di base, gratuito, rivolto a tutti i cittadini residenti nel Comune di Mantova. Le persone che si rivolgono a tale servizio hanno modo di conoscere la figura dello psicologo in un contesto di facile accesso, non stigmatizzato, di confrontarsi in merito alla propria storia personale e/o familiare, alle proprie difficoltà affettive, emotive e relazionali. Durante gli incontri, tenuti da tre psicologi/psicoterapeuti del territorio (le dottoresse Leoni, Cesa e Brunelli), i professionisti si impegnano a dare un senso e un significato a ciò che le persone condividono di sé e ad individuare sul territorio un luogo, uno spazio e un tempo che possa accogliere le domande e i bisogni portati.

Il percorso ideato dall’assessorato, in collaborazione con i professionisti, prevede quattro sedute, rinnovabili per un massimo di 8. È possibile fissare il primo appuntamento contattando il numero +39 329 9560438 (disponibile anche WhatsApp) attivo il martedì, mercoledì e venerdì, dalle 8:30 alle 13 e dal lunedì al venerdì, dalle 15 alle 19 o scrivendo al seguente indirizzo email: psicologo@comune.mantova.it .

Il servizio ha sede presso la sede del Centro per le Famiglie ‘Insieme’ ubicata in via Ariosto n. 61 (nel quartiere di Valletta Valsecchi) in un nuovo spazio dedicato, rinnovato e accogliente che garantisce la massima privacy e riservatezza.

Gli accessi da ottobre a dicembre 2022 sono stati continui, 87 sedute svolte per 24 persone che ne hanno fatto richiesta. Ventidue persone si sono rivolte al servizio per problematiche personali e due per un bisogno riguardante il figlio minorenne. La rilevazione dei dati indica che l’accesso è eterogeneo per genere ed età e per la maggior parte degli utenti è emerso che il contatto è avvenuto per il tramite di indicazioni ricevute da operatori di servizi specialistici e professionisti privati. I bisogni per ora riportati sono per la maggior parte ascrivibili a problematiche affettive e relazionali legate al proprio particolare momento del ciclo di vita personale e familiare. È emerso, inoltre, che molti cittadini non conoscono la possibilità di accedere ai servizi pubblici in modo gratuito per quanto riguarda il supporto e la presa in carico psicologica e che una delle funzioni della sperimentazione si conferma essere l’orientamento e il corretto invio ad altri servizi territoriali laddove gli operatori lo ritengano utile.

“Considerato il successo della sperimentazione – ha aggiunto Sortino -, da questa settimana sarà possibile riprendere i contatti, fissare nuovi appuntamenti e accedere al servizio per intraprendere il percorso psicologico. Siamo orgogliosi dell’iniziativa messa in campo a livello comunale, a supporto e complementare ai servizi già attivi ma che faticano a rispondere a tutte le richieste, perché ci rendiamo conto che la salute e il benessere mentale sono spesso temi poco considerati nelle agende politiche regionali e nazionali. Diventa fondamentale insistere in modo credibile e concreto su servizi che investono sulla prevenzione e la promozione del benessere psicologico perché solo quando un individuo sta bene a livello psichico può essere significativo nelle dinamiche familiari, lavorative e più in generale contribuire a rendere migliore la società in cui è inserito”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.