CASE DI RIPOSO, SOTTOSCRITTO IN NUOVO CCNL ANASTE 2020-2023

Tra carenza di personale e crisi energetica, da Roma arriva una buona notizia: il rinnovo del contratto per i lavoratori di RSA, CRA e Case di riposo di Bologna e dell’Emilia-Romagna. Il commento del presidente ANASTE ER Gianluigi Pirazzoli: “Un grande sforzo per un giusto riconoscimento a tutto il personale sociosanitario impegnato in una emergenza straordinaria”.

In un periodo di gravi difficoltà per le conseguenze della crisi economica e della crisi energetica, arriva una buona notizia per i lavoratori dipendenti del comparto sociosanitario.

Infatti dopo una lunga trattativa con le associazioni sindacali è stato sottoscritto a Roma il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per le imprese del settore, tra cui CRA ed RSA, aderenti all’ANASTE, Associazione Nazionale delle Strutture Territoriali.

Il rinnovo è avvenuto alla presenza del direttivo ANASTE nazionale presieduto dal dott. Sebastiano Capurso e ha comportato una rivisitazione di alcuni punti salienti del testo.

Nel nuovo testo infatti ci sono elementi di novità vantaggiosi per i lavoratori come l’adeguamento dei tabellari economici e delle indennità del personale infermieristico alla media di settore, l’incremento della copertura del periodo di carenza (i primi tre giorni di malattia), l’aumento del periodo di comporto (in caso di malattia il lavoratore può conservare il proprio posto di lavoro fino a 140 giorni) con particolare attenzione alla tutela dei lavoratori affetti da patologie gravi.

In un periodo storico come quello che stiamo vivendo il rinnovo del contratto assume un valore ancora più importante.  “La sottoscrizione del rinnovo – commenta il presidente ANASTE Emilia-Romagna e vicepresidente nazionale dell’associazione dott. Gianluigi Pirazzoli – arriva in un momento di enorme difficoltà per il nostro settore soprattutto per la grave e prolungata carenza di personale, soprattutto di infermieri. A ciò va aggiunto che le rette sono ferme da oltre 10 anni e che pertanto le nostre strutture sono costrette a ricorrere alle proprie risorse interne. Non ultimo il peso considerevole della crisi energetica e dell’aumento complessivo dell’inflazione.

Nonostante la convergenza di questi fattori – aggiunge il presidente regionale ANASTE – abbiamo fatto uno sforzo enorme per dare attraverso il rinnovo del contratto un riconoscimento, in termini di maggiori tutele, ai lavoratori delle RSA e delle case di riposo. Voglio sottolineare che senza il loro apporto umano e professionale non sarebbe stato possibile superare l’emergenza pandemica in luoghi di cura delicati e complessi come quelli residenziali”.

Il testo del CCNL è stato già inviato al CNEL ed agli enti competenti ed è possibile sfogliare il contratto a questo link Rinnovato il CCNL ANASTE – ANASTE

Si ringraziano tutti i membri della Commissione Lavoro ANASTE e le delegazioni delle organizzazioni sindacali per il lavoro svolto durante la trattativa di rinnovo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.