IL GIORNALE DELL’ASSEDIO DI MANTOVA IN LIBRERIA PER L’EDITORIALE SOMETTI

Giornale dell’Assedio di Mantova proclamato il 2 aprile 1848 e cessato col 1° maggio 1854

MANTOVA – Il 2021 per l’Editoriale Sometti inizia con l’arrivo in libreria di due importanti pubblicazioni: i primi due anni (1848 e 1849) del Giornale dell’Assedio di Mantova, la straordinaria testimonianza scritta che il notabile Enrico Grassi compilò quasi quotidianamente tra il 1848 e il 1854: un vero e proprio diario-giornale in cui Grassi tenne scrupolosamente annotate tutte le notizie della città di Mantova, con particolare riferimento alla situazione politica e alle disposizioni degli occupanti austriaci.

Continua a leggere

MANTOVA, CENTRO BARATTA – Silvana Scarola Vivanti dona all’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea un antico manoscritto

Giovedì 6 giugno 2019 alle ore 17 a Mantova, presso la Sala delle Colonne del Centro Culturale Baratta, in corso Garibaldi 88,  viene presentata la donazione di Silvana Scarola Vivanti all’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea.  Alla presenza della donatrice e del figlio Marco Vivanti intervengono Daniela Ferrari, Carlo Saletti, Costanza Bertolotti dell’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea.

SALA DELLE COLONNENel corso del 2018 Silvana Scarola Vivanti ha donato all’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea una preziosa fonte di interesse risorgimentale. Si tratta di un manoscritto di oltre duecentocinquanta carte, contenente le memorie del suo antenato Aniello Scarola (1832-post 1909), laureato in Architettura, ma dedicatosi alla carriera militare, dapprima come soldato nelle file borboniche, quindi come maggiore dell’esercito del Regno d’Italia. Continua a leggere

MANTOVA – DUE CONVEGNI per CONOSCERE L’UNIONE SOVIETICA di ALEXANDER RODCHENKO a PALAZZO TE

Nell’ambito della mostra a Palazzo Te “Alexander Rodchenko. Revolution in photography” 29 marzo – 27 maggio 2018, dedicata al grande maestro russo, esponente di primo piano dell’avanguardia sovietica del XX secolo, venerdì 13 aprile si terrà la conferenza aperta al pubblicoL’unione sovietica di Alexander Rodchenko tra arte e storia”.

Inaugurazione mostra Rodchenko a Palazzo Te (17).jpgNel corso dell’incontro, alle ore 18:30 nella sala Polifunzionale del palazzo, interverranno Costanza Bertolotti, dell’Istituto Mantovano di Storia contemporanea, e Daniela Sogliani, del Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te. Sarà presentata la figura di Rodchenko, testimone eclettico del suo tempo, impegnato a dettagliare, con i suoi scatti, fatti e personaggi di un’epoca irripetibile nella storia. Continua a leggere

BORGO MANTOVANO – PALAZZO DUCALE DI REVERE APRE LE PORTE AL RISORGIMENTO ITALIANO

Il Comune di Borgo Mantovano e il Museo del Po hanno inaugurato a Palazzo Ducale di Revere, una mostra sul Risorgimento. La prima parte dell’esposizione, intitolata “Mantova 1796-1866. Settant’anni tra assedi, occupazioni e guerre“, con l’approfondimento su “I Reveresi nel Risorgimento italiano“, è curata da Sergio Leali e da Alberto Riccadonna.
Nel primo nucleo si trovano esposti numerosi documenti originali: 70 stampe (fra cui la resa di Mantova, le battaglie di Governolo, di Volta Mantovana, di Solferino e S. Martino), 80 lettere (fra cui quelle dei volontari toscani, di soldati italiani e francesi, e rare lettere dall’Oltrepò Mantovano) oltre a 15 manifesti.  Numerose decorazioni, medaglie e monete sia in oro e argento che in bronzo. Una ventina fra armi bianche e da fuoco, palle da fucile, fiasche per polvere da sparo, cartucce nonchè la divisa ed il moschetto appartenuti al garibaldino Giovanni Borzani. Continua a leggere

CREMONA – RISCOPRIRE LA “VISIONE” DEL POETA ANGELO POMA

VISIONE A CONFRONTO.jpg

Martedì 9 maggio alle 17,00 a Cremona, Sala Conferenze dell’Archivio di Stato (via Antica Porta Tintoria, 2) viene presentata l’edizione, curata da Marida Brignani, del poemetto “Visione. A conforto della Madre. 8 dicembre notte 1852″ scritto l’8 dicembre 1852 da Angelo Poma, medico, e fratello per via paterna di Carlo Poma, impiccato il giorno prima dagli Austriaci a Mantova nella valletta di Belfiore assieme ad altri congiurati.