TOLTI I PANCONI, LA BONIFICA TORNA ALLA NORMALITA’

MOGLIA DI SERMIDE – Dopo 5 anni, il Consorzio Terre dei Gonzaga in Destra Po può finalmente tornare alla normale gestione dello scolo delle acque piovane. A seguito del cantiere per la costruzione della nuova controchiavica sul Po a Moglia di Sermide, il corso del canale Emissario era stato deviato sul canale Fossalta, che defluisce sempre in Po mediante l’impianto Revere, attraverso alcuni manufatti di interconnessione idraulica ed anche con la posa di panconi al cosiddetto manufatto di interruzione, posto nei pressi di località Cavo in comune di Borgocarbonara.

Continua a leggere

EDUCARE AL RISPETTO CONOSCENDO L’AMBIENTE: rinnovata la convenzione fra Bonifica e WWF per la gestione dell’OASI TRIGOLARO a Suzzara

Mantova, 11 luglio – Per il quarto anno consecutivo si rinnova la convenzione di collaborazione siglata dal Consorzio di bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po e dal WWF Mantovano per la gestione dell’oasi del Trigolaro.

firma convezione Consorzio di bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po e dal WWF Mantovano.jpeg

La presidente Cons. Bonifica Terre dei Gonzaga Ada Giorgi e il vice Raffaele Monica e il presidente del WWF mantovano, Donato Artoni

Il cavo Trigolaro scola le acque in eccesso dell’abitato di Suzzara in una vasca di laminazione che col tempo si è trasformata in un’oasi faunistica ricca di canneti, piante acquatiche e fauna, anche migratoria, tra cui aironi, anatidi, rapaci e passeriformi. Continua a leggere

SOPRALLUOGO CONSORZIO TERRE DEI GONZAGA A BORETTO: NONOSTANTE LA SABBIA L’ACQUA PER IRRIGARE CI SARÀ

Il Po a Boretto (2).jpeg

La presidente del Consorzio Terre dei Gonzaga, Ada Giorgi e il vice Raffaele Monica

Mantova, 6 luglioI vertici del Consorzio Terre dei Gonzaga in Destra Po hanno effettuato un sopralluogo per verificare la situazione presso l’impianto di Boretto. Davanti all’impianto, infatti, si è accumulata una ingente quantità di sabbia, che ostruisce le bocche delle pompe da cui il Consorzio attinge l’acqua dal Po per l’irrigazione. Gli escavatori stanno lavorando a pieno ritmo: la situazione è in via di risoluzione. Continua a leggere

L’EMERGENZA CORONAVIRUS AGEVOLA L’AVANZATA DELLE NUTRIE. GRIDO D’ALLARME DEL CONSORZIO TERRE DEI GONZAGA

Mantova, 24 aprile – Notizie sulla presenza di animali selvatici che occupano gli spazi lasciati dall’uomo sono su tutti i media: cinghiali, anatre, cervi, caprioli, lepri, ed anche lupi.

ada giorgi e raffaele monica

La presidente Ada Giorgi e il direttore Raffaele Monica

L’assenza di rumore per la ridotta circolazione di autovetture dovuta all’emergenza sanitaria può facilitare la tendenza degli animali selvatici a colonizzare nuovi territori, spostandosi da quelli dove si trova in esubero. Continua a leggere

Il Coronavirus non può fermare la bonifica. AL VIA LA STAGIONE IRRIGUA: IL CONSORZIO TERRE DEI GONZAGA È OPERATIVO

ada giorgi e raffaele monica

La presidente Ada Giorgi e il direttore Raffaele Monica

Boretto, 7 aprileLa stagione irrigua si è ufficialmente aperta con il prelievo di acqua dal Po a Boretto (RE). La siccità perdura ormai da molti giorni, e le deboli piogge cadute non sono sufficienti ad incontrare il fabbisogno di acqua per le coltivazioni agricole. Continua a leggere

EMERGENZA CORONAVIRUS: LE AZIONI MESSE IN CAMPO DAL CONSORZIO DI BONFICA TERRE DEI GONZAGA IN DESTRA PO

ADA GIORGI - RAFFAELE MONICAMANTOVA, 11 marzo – Siamo in collegamento telefonico con Presidente e Direttore del Consorzio di bonifica per capire come viene gestita l’emergenza Coronavirus dall’ente che si occupa, per il territorio in Destra Po Mantovano e Reggiano, sia di scolo delle acque piovane mediante regolazione dei livelli nei canali e attivazione di impianti di sollevamento meccanico delle acque, sia di distribuzione irrigua alle aziende agricole per fare il punto della situazione sulle azioni intraprese. Continua a leggere

CONSORZIO TERRE DEI GONZAGA, LOTTA ALLE NUTRIE: nuovi freezer a tutti i Comuni. GIORGI: “Un vero flagello per il territorio, massimo impegno per l’eradicazione”

MANTOVA – Le stime ufficiali sulla presenza di nutrie nella provincia di Mantova parlano di 170.000 esemplari, mentre solo nel comprensorio di bonifica del Consorzio Terre dei Gonzaga, su 1.000 km di canali gli uffici calcolano dai 30.000 ai 40.000 capi attivi.

Un problema pressante, come afferma Ada Giorgi, Presidente del Consorzio Terre dei Gonzaga in Destra Po, che però annuncia una novità a riguardo: “Abbiamo acquistato freezer per lo stoccaggio delle carcasse da cedere in uso gratuito ai Comuni del comprensorio. Continua a leggere

CONS.TERRE DEI GONZAGA – Superata l’emergenza della piena, la bonifica Terre dei Gonzaga si prepara alle sfide del 2020

ADA GIORGI - RAFFAELE MONICAContinua l’impegno del Consorzio Terre dei Gonzaga per la sicurezza idraulica del territorio. Il bilancio di previsione 2020, approvato all’unanimità dai consiglieri, è stato presentato dal Presidente Ada Giorgi con particolare accento sul tema della manutenzione ordinaria alla rete scolante e sulla ricostruzione post-sisma.

Presidente, cosa si prefigge il consorzio per il prossimo anno?

Consapevoli che la nostra attività è essenziale per la stessa sopravvivenza in una terra così idraulicamente complessa, è stato proposto un bilancio di previsione che senza abbassare la guardia, gravi sull’intero comprensorio per una cifra contenuta (poco meno del 1,5% nel suo complesso), anche in relazione all’indice ISTAT, pur essendo in grado di mantenere i margini per fronteggiare gli imprevisti tipici della nostra attività. Continua a leggere

MANTOVA – Il Consorzio Terre dei Gonzaga prosegue negli interventi post-terremoto: è la volta delle ciminiere

Ada Giorgi

A seguito degli eventi sismici del 2012, che avevano danneggiato anche l’impianto Agro Mantovano Reggiano a Moglia di Sermide, erano già stati effettuati studi importanti sulla staticità dello stabilimento, ed in particolare sulle ciminiere, a cui era seguito un primo intervento, grazie allo stanziamento di fondi del PSR rivolti al post-terremoto, con cui lo stato del manufatto era stato riportato alle condizioni iniziali, il cosiddetto “ripristino”. Ora è il momento di portare avanti la progettazione per il miglioramento sismico delle strutture delle ciminiere, realizzate quando l’impianto funzionava a vapore. Continua a leggere