MARMIROLO – IL TEATRO NUOVO ALZA IL SIPARIO SULLA STAGIONE AUTUNNALE 2018

il sindaco Paolo Galeottii e il vicesindaco Max Boschini

Da sx – il sindaco Paolo Galeottii e il vicesindaco Max Boschini

Crediamo che anche questa stagione possa andare incontro ai gusti di tutti dal momento che comprende vari generi dalla lirica, al dialettale, passando per il teatro d’autore. – Sono queste le dichiarazioni del sindaco di Marmirolo, Paolo Galeotti e del vicesindaco Massimiliano Boschini durante la presentazione – Siamo contenti che il nostro Teatro Nuovo stia diventando sempre più un punto di riferimento sul territorio, con una propria identità. “.

Il primo appuntamento in calendario è per il 6 ottobre, alle 21.00, con il debutto di una commedia dialettale della compagnia Al Filòs di Porto Mantovano, e verrà seguito da altri tre spettacoli che si snoderanno fino a dicembre. Tra i protagonisti del cartellone ci sarà Lorenzo Baglioni, scoperta del festival di Sanremo e atteso dal pubblico di Marmirolo. Continua a leggere

MARMIROLO – SUL PALCOSCEICO DEL “NUOVO”, la COMPAGNIA DI TEATRO DIALETTALE “TEATROMANIA”

Sabato 21 Aprile alle ore 21 la Compagnia di Teatro “Teatromania” di Buscoldo sarà di scena al Teatro Nuovo di Marmirolo in occasione del Festival di Teatro Dialettale Mantovano, giunto alla sua nona edizione, per l’assegnazione dell’ambito premio Merlin Cocai, indetto all’Associazione Comunali di Mantova. 

compagnia teatromania di buscoldo.jpg

Il titolo della rappresentazione teatrale in concorso  è “L’e’ sul an gran fardur”: tratta dalla commedia in lingua “Che demoni d’an matrimoni“ di Gianpiero Vicini, traduzione libero adattamento e regia di Learco BeccariContinua a leggere

MANTOVA – Presentato il Calendario della 1^ Edizione “A L’ANTIQUA – BAROCCO MUSIC FESTIVAL 2017-2018” della neonata ASSOCIAZIONE CULTURALE L’ORFEO

A l'Antiqua.jpg

Da sx: il Sindaco di Marmirolo, Paolo Galeotti – il Presidente e Direttore artistico, M° Angelo Manzotti e la Vice presidente Provincia di Mantova, Francesca Zaltieri 

Nell’anno in cui ricorre il 450° anniversario della nascita di Claudio Monteverdi, vede la luce un progetto nuovo e articolato, destinato a non esaurirsi nel volgere di breve tempo ma proiettato negli anni a venire, per contribuire a divulgare la bellezza evergreen della musica barocca.

Già nel 1480 l’umanista Agnolo Poliziano scrisse la “Fabula di Orfeo”, rappresentata alla Corte dei Gonzaga. Gli anni a cavallo del Cinque-Seicento videro svilupparsi il “recitar cantando”.  Il 24 febbraio 1607 a Mantova si inscenò “L’Orfeo” di Monteverdi, musicista al soldo di Vincenzo Gonzaga e genio assoluto. Dalla sua mente, dalle sue dita, dalla sua anima nacque il primo melodramma della Storia. La parola si è fatta emozione e la poesia, attraverso le note, ha scoperto la sua primitiva purezza, capace ancor oggi di commuovere. Continua a leggere