GIAZZA SELVA DI PROGNO – Festa del Fuoco 2015

di G.Baratti

Come ogni anno la sera del 23 giugno a partire dalle 21 si svolge la FESTA DEL FUOCO che ricorda una delle tradizioni più vive dei Cimbri a Giazza frazione di Selva di Progno (Vr) in piazza San Domenico, organizzata dalla Pro Loco.

sigfrido corradi

Rievocazioni, musiche e spettacoli di fuoco rinnovano i riti ancestrali dei Cimbri. E’ il caso proprio di Giazza (in cimbro Ljetzan), uno dei tredici comuni della Lessinia veronese in cui, nel Medioevo, si era insediata una comunità di Cimbri provenienti dalla Baviera e dal Tirolo, probabilmente per disboscare e creare pascoli.

foto sigfrido corradi

Ancora oggi gli abitanti  amano ricordare le tradizioni cimbre, come ad esempio la Festa del Fuoco, celebrata nel periodo del Solstizio d’Estate, nella notte di San Giovanni che, nell’antica cultura agreste, è sempre stata una notte magica, in cui, per scacciare gli influssi maligni, si accendevano falò sulle sommità di colline e monti in attesa della luce dell’alba. In scena, l’eterna lotta tra il bene e il male. La Festa del Fuoco “Waur Ljetzan“, inizierà con il suggestivo spettacolo “Ignis Inesorabilis” messo in scena con fuoco e trampoli dalla compagnia “Teatro del Ramino” di Ascoli Piceno. Al termine dello spettacolo, entreranno in scena personaggi delle leggende popolari della Lessinia, le Sèalagan Laute, in lotta tra loro per il possesso del fuoco. Il momento clou della serata si avrà con l’accensione dei 13 bracieri simbolo delle antiche comunità cimbre, che, con la loro luce, allontaneranno definitivamente il male.

Festafuoco20144

Curiosità gastronomica è la “Carbonara” secondo il metodo cimbro: non è un primo piatto, ma un metodo per produrre carbone, che prevede l’impiego di 50 quintali di legna verde (faggio, carpino, frassino), accatastata seguendo una modalità precisa e fatta bruciare ininterrottamente per tre giorni e tre notti sotto la stretta sorveglianza di Nello e Giorgio Boschi, ultimi carbonai – per passione – di Giazza e titolari di una caratteristica Osteria che si affaccia nella piazza del paese, la cui specialità è la trota ai ferri cotta con il “carbone Cimbro”, che da alla pietanza sapori del tutto particolari.

Essendoci pochi parcheggi a Giazza, la Pro Loco mette a disposizione per tutta la serata due bus navetta GRATUITI in partenza dal comune di Selva di Progno a partire dalle ore 19. Info.: cell. 349 4632515 email: prolocoljetzangiazza@gmail.com  Foto di Sigfrido Corradi

Annunci

Rispondi