MANTOVA – “Riflettori accesi”, la nuova opera letteraria di Lorenzo Vigna

Riflettori_acces_558ad67ab018f

Nella sala conferenze di Confindustria di Via Portazzolo,9 a Mantova è prevista per giovedì 2 luglio la presentazione del libro Riflettori accesi (Edizioni Sometti) di Lorenzo Vigna, una raccolta di scritti, interviste e brevi biografie.

Con l’autore e l’editore interverranno il presidente della Fondazione BPA Pietro Moretti e il giornalista Werther Gorni, direttore de “La Nuova Cronaca di Mantova”.

Lorenzo Vigna è un giornalista di lungo corso.

Nel corso degli anni ha collaborato a diversi quotidiani e settimanali, intervistando personaggi di caratura internazionale e scrivendo di tanti protagonisti della nostra storia passata e recente. Riflettori accesi raccoglie una parte considerevole degli scritti di Vigna: brevi e piacevoli biografie tracciate in poche pagine con un raro dono di sintesi; spunti, considerazioni, approfondimenti per ragionare sulla storia e l’attualità. Nel panorama culturale di Vigna c’è posto per tutto, e tutti: da Karol Wojtyla a George W. Bush, da Lapo Elkann a Peppino Prisco. Tuttavia l’autore è mantovano, e come tale non può non presentare una ricca selezione di nomi e storie locali. Lo fa attraverso un’ampia scelta: uomini politici come Gianni Usvardi e Tonino Zaniboni, protagonisti della cultura e dello spettacolo, come Vittore Colorni ed Enzo Dara. Inoltre campioni dello sport, da Tazio Nuvolari a Roberto Boninsegna, ma anche imprenditori come Marino Chiavelli e Fabrizio Lori, e molti altri ancora.

Il libro di Vigna ha il dono, appunto, di accendere i riflettori sul mondo, il suo e il nostro, aiutando il lettore nella comprensione un lungo periodo storico ancora in movimento.

Rispondi