SAN BENEDETTO PO – Basilica del Polione: il 5 Settembre presentazione de “Il Crocefisso del Polirone”

Il-Crocifisso-del-Polironedi G. Baratti

Il patrimonio artistico della Basilica Polironiana di San Benedetto Po (Mn) si arricchisce di un prezioso patrimonio. Si tratta di un crocefisso in terracotta realizzato nella prima metà del Quattrocento dove viene raffigurata la figura del Cristo magra ed affusolata, armoniosa ed elegante nelle sue proporzioni, le ciocche ondulate dei capelli, la forma della corona di spine fa si che l’opera è da attribuirsi allo scultore fiorentino conosciuto con il nome di “Michele da Firenze” (naque a Firenze intorno al 1385 da tale Niccolò.

Nominato da Vasari lo Scalcagna, M. è noto anche come Michele Dini, la cui dizione finale è però da considerarsi errata, in quanto arbitraria e derivata da una trascrizione scorretta dal latino (Berardi, p. 9 n.1); è citato invece in alcuni documenti conservati presso l’Archivio di stato di Modena editi da Giovannini (pp.63 e ss), da cui si evince che il nonno era notaio; non si hanno notizie che riguardano la madre, il cui nome rimane pertanto sconosciuto. Dal 1433 M. fu sicuramente a Verona dove lavorò alla composizione dell’apparato fittile in terracotta con Storie del Nuovo Testamento che ricopre tutt’oggi le pareti della cappella Pellegrini nella chiesa di S. Anastasia. Dal 1440 M. fu a Modena, dove scolpì l’Altare delle statuine destinato al duomo: un’ancona che egli ripropose identica nella fattura a quella, sicuramente precedente di qualche tempo e destinata alla chiesa di S. Maria degli Angeli a Belfiore, per cui venne pagato da Niccolò III d’Este. Sconosciuti sono anche il luogo e la data di morte, anche se si presume sia avvenuta in Firenze. (fonte di E.B. su Dizionario Treccani).

Basilica_Polirone_0042_Livello-19

Il crocifisso si trova da molto tempo nella seconda cappella della navata sinistra della Basilica, di fronte alla cappella del Santissimo, ma dell’autore non si conosceva nulla. La verità sull’attribuzione dell’opera si è fatta sempre più concreta solo di recente grazie alla ricerca voluta dagli Amici della Basilica, che hanno approfondito la ricerca grazie al coinvolgimento del professor Aldo Galli, docente di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi di Trento.

2%20piazza%20Teofilo%20Folengo

Sabato 5 settembre alle ore 17.00 presso la Basilica Polironiana si terrà la presentazione de IL CROCEFISSO DEL POLIRONE a tutta la comunità di San Benedetto Po e ai turisti che vorranno partecipare.

Interverranno il parroco Don Albino Menegozzo, l’ingegner Ronconi del Lions Club Padania, il professor Aldo Galli dell’Università di Trento e il restauratore Giuseppe Billoni.

Al termine si terrà un concerto con il  Coro Polifonico Polironiano della Basilica: Pierpaolo Butti, organo, Rita Zavattini e Isabella D’Addeo, soprani solisti, Simona Barbanti, contralto solista diretti dal maestro Davide Nigrelli.

(foto di archivio web)

Rispondi