GALLERIA ZANINI ARTE – ARTE A 360°. L’Antico incontra il Contemporaneo

arte a 360°.jpg

 

13 DICEMBRE – 31 GENNAIO

INAUGURAZIONE 13 DICEMBRE ore 18,00

di G.Baratti

Arte: bellezza atemporale, portatrice di messaggi. Quest’anno la Galleria Zanini Arte di San Benedetto Po (Mn), Via Virgilio,7 – nel suo più storico appuntamento natalizio, vuole celebrare l’Arte come valore in sé, senza divisioni di epoche e materiali.  L’esposizione “ARTE A 360°. L’Antico incontra il Contemporaneo” verrà inaugurata domenica 13 dicembre alle ore 18,00  e in concomitanza sarà presentata la mostra collaterale “Nello studio del Pittore. Gli inediti di Vindizio Nodari Pesenti”, presentazione a cura del professor Franco Negri.

NodariPesenti%20(1).jpg

Per l’occasione verrà ricreato lo studio  dell’artista medolese con tutti i suoi strumenti di lavoro, nonché una serie di dipinti astratti assolutamente inediti. La sua pittura, per la qualità delle sue realizzazioni, costituisce un ineludibile punto di riferimento per quasi tutti gli artisti mantovani dei primi sessant’anni del Novecento. Saranno esposte anche alcune opere storiche del pittore provenienti  dalla collezione della Fondazione Banca Agricola Mantovana.

L’accostamento di opere tra loro lontanissime per genere, periodo e provenienza svela magicamente, attraverso il sapiente allestimento, una grande vicinanza incentrata sul messaggio che le opere portano con sé agli occhi dello spettatore.

opera di Francesco-Martani.jpg

Le collezioni di antiquariato dialogano direttamente con gli artisti contemporanei che collaborano con la Galleria Zanini: Alfonso Borghi, Giuseppe Menozzi, Francesco Martani, Tobia Ravà, Abdallah Khaled, Marica Fasoli, Lanfranco, Teresa Noto, Paolo Medici, Elvino Motti, Luca dall’Olio, Pietro Dente, Andrea Giovannini, Giuseppe Navacchia. Arte a 360 °. “Due sono quest’anno le proposte natalizie della Galleria Zanini Arte – come spiega il professor Franco Negri – La prima riguarda i dialoghi che le opere d’arte instaurano. Dialogo tra opere antiche e contemporanee; dialogo tra opere di diversi autori; dialogo tra opere e osservatore. La situazione dialogica marca la differenza, ma allo stesso tempo unisce, lancia ponti. Ecco dunque che saranno proposti  confronti e parallelismi tra pitture della stessa epoca o di periodi diversi; si suggeriranno temi o caratteri che accomunano o annullano le differenze. Saranno inoltre presentati i migliori testimoni della raccolta Zanini di mobili di alto pregio. La seconda proposta è una ricostruzione dello studio del pittore Vindizio Nodari Pesenti.  La famiglia Zanini ha avuto la straordinaria occasione di acquisire gli strumenti e le testimonianze del laboratorio del pittore,che per la prima volta verranno presentati al pubblico, in un allestimento teso a ricreare il dove, il come e il quando Vindizio Nodari Pesenti lavorava. L’attesa dunque è duplice. Come sempre l’arte parla a chi sa farla parlare”.

Prosegue fino al 10 gennaio 2016 la mostra d’arte contemporanea Ponti di Pace degli artisti Tobia Ravà e Abdallah Khaled.

Un messaggio di speranza e dialogo di pace tra culture diverse
Annunci

Rispondi