GAZOLDO D/IPPOLITI – APPUNTAMENTO CON LA CULTURA, ALL’ASSOCIAZIONE POSTUMIA

di G.Baratti

L’ Associazione Postumia, domenica 14 febbraio a partire dalle ore 16,30 accoglierà gli ospiti nella sede del 113 di Via Marconi a Gazoldo degli Ippoliti, proponendo tre momenti culturali molto interessanti.

Ad aprire il pomeriggio sarà il postumiates Andrea Fantuzzi che si esibirà al pianoforte del Museo Lirico, appartenuto al soprano Rosina Storchio e che l’associazione Postumia ha appena restaurato.

Vladimiro Bertazzoni Ed Sometti.jpg

Seguirà la presentazione del libro biografico dedicato a Vladimiro Bertazzoni (Ed. Sometti), curato da Giancarlo Ciaramelli.

Vladimiro Bertazzoni è stato un personaggio pubblico di primo piano nel panorama politico e culturale mantovano del secondo novecento: nato a Mosca nel 1934 da genitori mantovani in esilio e rientrato in terra virgiliana nel 1946, è stato pubblico amministratore e segretario politico, uomo di cultura, poeta e slavista. Questo libro scritto a più mani, pubblicato ad un anno dalla sua scomparsa, tratteggia la vita di un uomo poliedrico, acuto e generoso che ha attraversato i drammi e le gioie del Novecento: il lungo percorso politico socialista, i libri e l’amore per la cultura, la produzione poetica, il legame sempre vivo con la madre Russia, terra natìa di cui si sentiva figlio adottivo. E un rapporto strettissimo con la sua Mantova.

A dialogare con il direttore artistico del Postumia, Nanni Rossi, interverranno il segretario provinciale del Psi, Michele Chiodarelli, il curatore Giancarlo Ciaramelli e l’editore Nicola Sometti.

Vladimiro Bertazzoni fu, altresì, tra i primi in Mantova a riscoprire la straordinaria carriera e la mantovanitas del soprano Rosina Storchio, al quale Postumia ha appena intitolato il proprio Museo Lirico.

In chiusura la Brigata Corale Tre Laghi di Mantova interpreterà alcuni canti popolari in ricordo di Luigi Guernelli, mentre lo studioso di tradizioni popolari, Giancarlo Gozzi, proporrà una serie di riflessioni sul tema il pane e il vino nella tradizione mantovana.

Annunci

Rispondi