RIMINI – AUTISMI: SUGGERIMENTI PRATICI PER AIUTARE LE FAMIGLIE

autirsmi.jpgFornire risposte concrete a chi si relaziona con bambini, ragazzi e adulti con autismo: è questo l’obiettivo del convegno «Autismi. Risposte per il presente, sfide per il futuro», organizzato dal Centro Studi Erickson e giunto quest’anno alla sua quinta edizione. In due giornate, il 14 e 15 ottobre al Palacongressi di Rimini, oltre 30 tra i maggiori esperti nazionali e internazionali si confronteranno, proponendo suggerimenti pratici per aiutare le famiglie e indicazioni metodologiche per i professionisti che devono tenersi aggiornati e orientarsi tra la mole di studi disponibili.Molto atteso l’intervento di Diana Robins, professore del Drexel Autism Institute di Philadelphia, che presenterà strumenti e programmi di intervento per identificare precocemente l’autismo. In particolare, Robins presenterà il Modified Checklist for Autism in Toddlers (M-CHAT), strumento che lei stessa ha sviluppato, convalidato e perfezionato, e l’Early Start Denver Model, un programma di intervento in grado di re-indirizzare le risorse cognitive dei bambini con autismo per favorire la partecipazione e l’apprendimento sociale. Di strumenti e strategie di intervento precoce parlerà anche Giacomo Vivanti, psicologo, docente e ricercatore del Drexel Autism Institute di Philadelphia.

Nell’ambito del convegno – organizzato in 2 sessioni plenarie e 27 workshop di approfondimento – saranno poi trattati altri argomenti di grande attualità: il bullismo e il cyberbullismo, fenomeni sociali negativi a cui i soggetti con autismo risultano particolarmente esposti; l’affettività e la sessualità, una dimensione spesso trascurata nella cura dei soggetti con autismo e che risulta invece fondamentale per una vita ricca e autodeterminata; l’utilizzo delle storie sociali, una strategia di intervento oggi ampiamente utilizzata, che si è rivelata particolarmente efficace per aiutare le persone con autismo a comprendere meglio le situazioni e gli eventi sociali; il sempre attuale problema del «dopo di noi», ossia dell’affidamento e della cura del soggetto con autismo, una volta che i genitori non saranno più in grado di occuparsene. Assieme al tema del «dopo di noi» verrà fatto il punto sulle disposizioni di legge a favore del soggetto con autismo, fondamentali da conoscere per sapere quali sono le prestazioni a cui si ha diritto.

Saranno argomento di sessione plenaria, nella giornata di venerdì 14 ottobre:

  • l’attività di screening per l’individuazione precoce dell’autismo e i risultati della ricerca italiana
  • l’implementazione di interventi intensivi precoci
  • il bilancio del DSM-5, il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, a due anni dalla pubblicazione
  • l’economia sociale
  • il rapporto tra ambiente e autismo
  • l’importanza del sistema motorio per la comprensione dei disturbi dello spettro autistico

Saranno argomento di sessione plenaria, invece, nella giornata di sabato 15 ottobre:

  • L’autismo in adolescenza: aspetti critici e prospettive di sviluppo
  • La selettività alimentare
  • L’epidemiologia dei disturbi autistici
  • Le relazioni amicali e amorose, la sessualità e il matrimonio

Da segnalare, in particolare, tra i workshop, quello sulle bizzarrie e potenzialità dei soggetti Asperger, quello sull’utilizzo del video modeling e degli strumenti tecnologici per favorire lo sviluppo dell’autonomia nelle persone con disturbi dello spettro autistico e quello dedicato aiprogrammi evidence-based da applicare a scuola per coinvolgere attivamente i compagni di classe come facilitatori delle relazioni e dell’apprendimento dei bambini e dei ragazzi con disturbi dello spettro autistico.

Per maggiori informazioni e contatti ufficiostampa@erickson.it | 0461-950690
Cristina Zivelonghi – Press officer, 0461-950690
Laura Pulici – Comunicazione Area didattica, cell. 349-8697103 Jacopo Tomasi – Comunicazione Area sociale, cell. 349-5377375

Accredito Stampa  »    —   Scarica il programma »  —  Visita il sito del Convegno  »

Rispondi