MANTOVA – MUDI: BAMBINI E FAMIGLIE CON SEGNI D’INFANZIA SULLE TRACCE DELLA MANTOVA RISORGIMENTALE

 

Mantova nel risorgimento con Cristina Cazzola.jpgUn nuovo appuntamento nell’ambito della proposta turistica – culturale del Museo Urbano Diffuso (MUDI) promossa dal Comune di Mantova, in quest’anno speciale da Capitale della Cultura, viene ideato e proposto dall’Associazione Segni d’infanzia, in collaborazione con Istituto Mantovano di Storia Contemporanea, a famiglie e bambini in questo weekend: sabato 19 novembre, ore 16:00, presso la Biblioteca Baratta (Sala delle Colonne) si compie un divertente salto nel tempo, sulle tracce dalla Mantova Risorgimentale, con l’evento “Carta, ferro, stagno. Il grande gioco del Risorgimento.” Nell’ottica di stimolare inedite esplorazioni degli spazi della città e favorire la riscoperta di curiosità e aneddoti legati alla sua storia, Segni d’infanzia ha immaginato una formula a cavallo fra spettacolo e laboratorio che attraverso il racconto coinvolge gli spettatori in quello che diventa un grande gioco interattivo che permette di curiosare fra antiche lettere, fotografie e documenti.

MUDI - risorgimento con segni.jpg

Ad accompagnare piccoli e grandi partecipanti in un misterioso percorso narrato che si snoda fra gli spazi dell’Anagrafe storica e la Sala delle Colonne, entrambe presso la Biblioteca Baratta, sono Cristina Cazzola insieme all’attrice Sara Zoia e all’operatrice Arianna Maiocchi nelle vesti di tre strani personaggi che svelano segreti e storie nascoste nelle antiche corrispondenze, l’uso dell’inchiostro simpatico e i trucchi escogitati da cittadini/eroi del passato.

Rivivendo le imprese di questi illustri personaggi, i cui nomi popolano ancora le vie della città, passeggiare per Mantova diventa una continuazione del gioco a caccia del rimando, delle associazioni e delle scoperte fatte nel corso dell’evento. Non resta che avventurarsi in questo viaggio nel tempo e nella memoria storica sabato 19 alle ore 16:00 presso la Biblioteca Baratta.

Annunci

Rispondi