MILANO – “Rospo Vecchiaquerciainventasogni e altre storie”, favole di Ivano Tajetti alla Fondazione Luciana Matalon

Rospo Vecchiaquerciainventasogni e altre storie.jpg

La Fondazione Luciana Matalon sabato 25 febbraio alle ore 16.30 ospiterà la presentazione del libro “Rospo Vecchiaquerciainventasogni e altre storie” (Ed. Segni e Parole) con le favole di Ivano Tajetti, a cura e con la prefazione di Davide Grassi. Le storie sono impreziosite dalle illustrazioni di Flavio Ghiringhelli, detto “Ghiri”, pittore e partigiano, protagonista anche di uno dei racconti. L’artista lascia in questo libro ai bambini il suo ultimo saluto: dei disegni da completare con i colori della Fantasia.Nelle favole sono raccolte le avventure più disparate e curiose: protagonisti bizzarri e fantasiosi come il rospo dormiglione, la lavagnetta magica che inghiotte i ricordi, un chicco di caffè che si innamora di una goccia di latte, quattro fragole in cerca di fortuna, un panino che fugge e si unisce una banda di carciofi ribelli danno vita a vicende, definite dallo stesso autore Ivano Tajetti, “un po’ sognanti, un po’ stralunate”.

Questi racconti sono rivolti ai bambini, ma possono piacere e insegnare molto anche agli adulti.
In occasione della presentazione del libro saranno presenti l’autore, il curatore e l’editore.
Ivano Tajetti, nato a Milano, trascorre il suo tempo tra animali (per lavoro) e alberi della memoria (per passione), che cura con la stessa attenzione. È vice presidente dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) di Milano e presidente della sezione Barona. Rospo Vecchiaquerciainventasogni e altre storie è il suo primo libro di favole.

Nel 2016, ha partecipato al libro Libertà tra i Navigli (Bine Editore) dedicato alla Resistenza nella zona 6 di Milano.
Flavio Ghiringhelli, nato a Genova il 19 dicembre 1928, pittore e illustratore, ha partecipato giovanissimo alla Resistenza in Liguria e si è poi trasferito a Milano, dove stato attivo nelle organizzazioni dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani Italiani). Ghiri, come era chiamato da tutti, ha allestito la sua ultima mostra di tempere nel 2004 dal titolo Cani e gatti a confronto con l’arte alla Galleria Ponte Rosso di Milano. Ha lasciato i suoi amici e i suoi gatti il 24 ottobre 2009.

Annunci

Rispondi