REGGIOLO – COOP “IL BETTOLINO”: IL SINDACO ANGELI INAUGURA LA SALA DEL CONFEZIONAMENTO

 

taglio del nastro (1).jpg

Una nuova sala di confezionamento per la cooperativa sociale “Il Bettolino” di Reggiolo. La realtà reggiolese, che pensa alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini disabili e svantaggiati attraverso lo sviluppo di attività e lavori idonei, continua a crescere. Dal 1989 ad oggi la cooperativa, nata grazie alla collaborazione di più realtà (Cooperativa Muratori Reggiolo, Ausl e i Comuni della Bassa reggiana), ha rafforzato la sua presenza sul territorio e raggiunto importanti risultati. All’appuntamento di questa mattina (4 marzo), oltre alla presidente della cooperativa Francesca Benelli, ai rappresentanti dei servizi sociali, ai lavoratori e ai loro famigliari, era presente il sindaco di Reggiolo Roberto Angeli che ha voluto testimoniare quanto il lavoro de “Il Bettolino” sia un esempio concreto di cosa può essere fatto per sostenere le persone svantaggiate e permettere loro di ottenere una dignità sociale.

IlBetttolino.JPG

L’intervento, costato 110mila euro e reso possibile grazie al contributo del Fondo europeo di orientamento e garanzia agricola, ha permesso di allargare la sala di confezionamento dei prodotti, come le erbe aromatiche, migliorando l’ambiente di lavoro, e l’inserimento di una terza macchina confezionatrice che permetterà alla cooperativa di rispondere al meglio alle crescenti richieste della grande distribuzione.

IlBettolino1.jpg

Vogliamo rafforzare il percorso che da anni stiamo portando avanti – spiega la presidente Francesca Benellie i risultati ci confermano che la cooperativa riesce a offrire prodotti di ottima qualità con un importante valore aggiunto. Al Bettolino, infatti, lavorano 110 persone: 50 dipendenti, 30 persone svantaggiate e 60 ragazzi che seguono percorsi di inclusione sociale o tirocinio”.

Un’attività importante per tutta la comunità che continua a guardare avanti. Basti pensare che dall’inizio dell’anno ad oggi sono state fatte due assunzioni, due donne tra i 30 e i 40 anni inserite nella cooperativa come tirocinanti. I percorsi del Bettolino oggi riguardano anche il recupero di persone vulnerabili, che si sono ritrovate improvvisamente senza lavoro, o i soggetti che devono svolgere lavori socialmente utili. Un esempio anche per i territori limitrofi.

Dopo un passo se ne prepara però un altro e la presidente Benelli pensa all’assemblea di bilancio del prossimo 26 maggio e a un nuovo investimento per il miglioramento di altri locali della cooperativa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.