ROMA – SILVIA CAIMI tra gli artisti di “Aeterna” terza Esposizione Triennale di Arti Visive

 

silvia-caimi-con-una-sua-opera

26 marzo – 23 aprile 2017

Inaugurazione 1 aprile – ore 15.00

Un inizio d’anno ricco di successi per l’artista mantovana Silvia Caimi, invitata a partecipare con una selezione di opere ai prestigiosi eventi dedicati prima all’insediamento di Trump, poi durante le celebrazioni del 60esimo anniversario dei Trattati di Roma nel prestigioso Palazzo Ferrajoli affacciato su Piazza Colonna a Roma, uno dei luoghi più prestigiosi d’Italia e d’Europa.

SILVIA CAIMI Cambiamo ambiente acrylic on photo canvas, 100x150cm 2014.jpg

Silvia Caimi sarà tra gli artisti di “Aeterna” terza Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma che aprirà al pubblico dal 26 marzo al 23 aprile 2017 presso il Complesso del Vittoriano Ala Brasini. La mostra coinvolgerà tutta la città grazie ai Padiglioni Nazionali Esterni, previsti a Palazzo Velli Expo, nel cuore di Trastevere, e presso la Fondazione Venanzo Crocetti.

Curata da Gianni Dunil la Triennale di Roma 2017 sarà inaugurata da Daniele Radini Tedeschi e Achille Bonito Oliva sabato 1 aprile 2017 dalle ore 15.00 alle ore 19.00, ingresso libero.

Silvia Caimi si inserisce nello storico scenario del Complesso del Vittoriano con l’opera “Cambiamo ambiente. Scegliamo l’arte” (2015, acrilico su tela fotografica, 100×150 cm), un’opera in cui la capacità della fotografia di introdurre tematiche di carattere concettuale e passare quindi dalla rappresentazione del reale alla sua interpretazione, si integra e si eleva attraverso la pittura, processo creativo in grado di tradurre simbolicamente il reale oltre ogni aspettativa.

Il monito dell’artista Silvia Caimi “Stai calmo. Trova l’arte” è l’ideale fil rouge della Terza Esposizione Triennale di Arti Visive di Roma. L’idea che anima quest’edizione della triennale è infatti una riflessione sul concetto di effimero contrapposto a quello di eterno, sulle possibilità delle arti visive di rispondere ai valori sociali contrastanti e tendenti sempre più verso un nichilismo tecnologico, un tilt estetico, un azzeramento formale ed una linguistica dell’incomunicabilità.

La finalità è quella di sottolineare la potenzialità dell’arte di mantenere la persistenza dell’idea estetica al di là di ogni moda, gusto o epoca, lasciando ravvisabili i segni di una traccia comune tesa da Piero della Francesca a Pollock, da Cimabue a Morandi, dai Longobardi a d’Orazio, ovvero dall’antichità ad oggi.

Il catalogo della mostra raccoglierà le fotografie di tutte le opere esposte con un saggio introduttivo di Vittorio Sgarbi.

Silvia Caimi, nata a Mantova, ha compiuto studi a indirizzo umanistico. Laureata in lettere, approfondisce gli studi di arte bizantina, medievale e moderna. Si dedica per passione alla pittura coltivando il talento naturale, che presto evolve in una ricerca artistica rigorosa e metodica, particolarmente rivolta alla figura umana femminile e maschile. Ha partecipato a numerose esposizioni nazionali e internazionali, ottenendo importanti riconoscimenti, tra i quali nel 2014 la medaglia del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Dopo Londra e Spoleto International Art Fair, il suo lavoro è stato selezionato da critici importanti per esposizioni che rappresentano il dipingere italiano all’estero. Selezionata per la Biennale di New York 2015 e la Biennale di Dubai 2016, è stata invitata in Brianza a partecipare ad un’importante antologica del Maestro Aligi Sassu. Ha partecipato a EXPO IN CITTA‘ in EXPO 2015, le sue opere sono state esposte alla Casa del Mantegna a Mantova, a Miami e sono ora in permanenza presso una Galleria a New York. Nel 2016 ha esposto a Gravedona sul Lago di Como nel progetto “Il Labirinto dell’ipnotista” curato da Giammarco Puntelli e nella Biennale di Montichiari. Nel 2016 ha partecipato al progetto “L’eternità nell’arte” esponendo durante il Giubileo nella Chiesa dei Quattro Santi Coronati di Roma.

Selezionata per la Triennale di Roma, nel 2017 espone al Complesso del Vittoriano.

Nel 2018 rappresenterà il dipingere italiano a San Francisco in una mostra personale ospitata dall’Istituto Italiano di Cultura californiano e curata dal Prof. Giammarco Puntelli.

INFORMAZIONI: Complesso del Vittoriano, Ala Brasini Via di San Pietro in Carcere – Roma
Orari Complesso del Vittoriano – Ala Brasini
Lunedì – Giovedì 9.30 -19.30
Venerdì – Sabato 9.30 – 22.00
Domenica 9.30 – 20.30

Ingresso libero
L’ingresso è consentito fino a 45 minuti prima dell’orario di chiusura
http://www.esposizionetriennale.it | @esposizionetriennalediroma #triennalediroma2017 | #T17

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.