PERCHÈ A PASQUA SI REGALANO LE UOVA DI CIOCCOLATO?

UOVO DI CIOCCOLATO.jpg

La tradizione delle uova di Pasqua è molto antica. Essa nacque prima di Cristo, con la cena pasquale ebraica. Nel mondo cristiano l’uovo divenne simbolo della Resurrezione di Cristo fin dai tempi di sant’Agostino, alla fine del quarto secolo, ma solo dopo l’anno Mille, data fatidica che secondo molte credenze popolari avrebbe dovuto segnare la fine del mondo, radicò l’uso soprattutto nelle campagne di scambiarsi nel giorno di Pasqua uova di gallina, di piccione, di quaglia o di altri volatili da cortile.

Spesso le uova venivano colorate usando un infuso di barbabietole che serviva per il rosso, di ortiche e spinaci che dava il colore verde, di viola mammola per il colore viola e di buccia di cipolla per il color marrone e, prima di essere donate, dovevano ricevere la benedizione in chiesa.

Ben presto la tradizione delle uova si diffuse anche nelle classi agiate, che invece di ricorrere ai “frutti del pollaio” si rivolsero a orafi e gioiellieri per realizzare uova d’oro o d’argento, tempestate di smalti e gemme preziose.

L’uso delle uova di cioccolato è piuttosto recente dato che il cacao è stato introdotto in Europa dopo la scoperta dell’America e gli olandesi furono i primi nel ‘700 a realizzare le uova usando solo il cioccolato fondente; verso la metà del secolo scorso in Svizzera si iniziò a usare il primo cioccolato al latte.

In molti Paesi all’uovo di cioccolato viene ancora anteposto l’uovo di gallina solitamente cucinato sodo. Anche nei Paesi di religione ortodossa, tuttavia, permane la tradizione delle uova di gallina, in risposta alla diffusione delle uova prodotte commercialmente, giudicate dagli ortodossi una strumentalizzazione consumistica della Pasqua.

In Italia l’uovo sodo come simbolo pasquale è rimasto presente soprattutto accompagnato dalla tradizionale colomba pasquale o durante il pranzo.

Anche in Arabia l’uovo di Pasqua rappresenta la resurrezione di Gesù.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.