MANTOVA – Nuovo regolamento comunale per lo svolgimento dei mercati contadini

comune-di-mantova

La giunta Palazzi nella seduta di giovedì 18 maggio ha dato il via al nuovo regolamento comunale per lo svolgimento dei mercati di vendita diretta di prodotti agricoli e relativo schema-tipo di disciplinare. Il regolamento dovrà transitare in consiglio comunale prima del 30 giugno, data della scadenza della concessione affidata al Consorzio Agrituristico Mantovano Verdi Terre d’Acqua.

Dopo di che è in programma la gara per individuare il gestore. Vediamo quali sono le novità introdotte nel nuovo regolamento: innanzitutto il regolamento precedente prevedeva il mercato contadino soltanto sul Lungo Rio e in piazza Porta Giulia a Cittadella; ora, con il nuovo regolamento, si parla qualsiasi tipo di mercato contadino dovesse sorgere sul territorio comunale.

Potranno partecipare alla gara anche aziende che hanno sede fuori dalla provincia di Mantova, ma che svolgono comunque la loro attività all’interno della provincia. A questo proposito è stata introdotto un meccanismo che premia chi produce nel capoluogo, mentre il punteggio decresce se l’azienda agricola opera lontano dalla città. Così come sono premiati gli imprenditori agricoli che vendono prodotti provenienti dalla propria azienda (si stabilisce un tetto minimo del 70 per cento), chi sarà presente sui mercati più a lungo e chi possiede aziende singole, semplici, a conduzione familiare e gli under 40.

giovanni-buvoli

È stato stabilito l’obbligo di indicare l’azienda da cui la merce esposta proviene. “Il mercato contadino – ha osservato il vice sindaco Giovanni Buvoliha compiuto 10 anni. L’esperienza ci dimostra che è stata vinta una scommessa importante: è cresciuto il numero dei banchi e c’è stato un incremento notevole del pubblico. Inoltre, è diventato un punto di aggregazione che offre vitalità al centro storico. Auspichiamo che in futuro ci sia un ulteriore successo del mercato contadino e soprattutto adesso, nell’anno di Mantova capitale europea dell’enogastronomia, il nostro impegno è di promuovere ulteriormente le eccellenze del nostro territorio”.

Per quanto riguarda Lunetta, la giunta ha deciso di intitolare la nuova piazza nel quartiere  con il toponimo “Piazza Unione Europea”. Il nuovo spazio è sorto a seguito delle demolizioni di alcuni stabili di proprietà Aler, sostituiti poi con alloggi di edilizia residenziale pubblica, nell’ambito del Programma nazionale Contratti di Quartiere II “Un’occasione per Lunetta”.

Dopo tale interventi i preesistenti toponimi, Viale Toscana, Viale Liguria, Viale Emilia, Piazzale Molise, Piazzale Puglie e Piazzale Friuli, sono stati soppressi, con delibera di giunta del 9 febbraio scorso, in quanto aree che ormai costituivano unitariamente un nuovo spazio pubblico. E così la giunta ha deciso di intitolare questa area con il toponimo “Piazza Unione Europea”, con la seguente motivazione: “L’intitolazione all’Unione Europea nell’anno della celebrazione dei 60 anni dalla firma dei trattati, ha un significato più profondo, uno sguardo alla cooperazione pacifica, al rispetto della dignità umana e ai valori di libertà, democrazia, uguaglianza e solidarietà tra le nazioni e i popoli”.

Il nuovo nome della piazza, inoltre, si inserisce in piena sintonia nel contesto territoriale comunale in quanto si attiene all’onomastica esistente che caratterizza le vie della zona del quartiere. Nel quartiere sono presenti vie che richiamano nomi geografici, in particolare quelli delle Regioni. La delibera di giunta, ora, verrà trasmessa alla Prefettura di Mantova così come previsto dalla vigente normativa in materia. Poi si procederà con la messa in opera delle targhe di intitolazione e con l’inaugurazione della nuova piazza di Lunetta.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.