SEGNI D’INFANZIA VOLA A CAPE TOWAN (SUDAFRICA) – Cristina Cazzola presenta a 68 paesi del mondo il progetto T.E.E.N.

Cristina Cazzola.jpg

Al Congresso Mondiale delle Arti Performative di Assitej in Sudafrica, tra più di diecimila bambini, 7500 operatori, insegnanti, famiglie, mille delegati da 100 paesi del mondo, Mantova diventa ancora una volta protagonista a livello internazionale, grazie a Segni d’infanzia e al progetto europeo TEEN Theater European Engagement Network – cofinanziato dal programma Creative Europe 2014-2020.

Domenica 21 maggio, a Cape Town in Sudafrica, Cristina Cazzola, presenterà agli operatori culturali provenienti da 68 diversi paesi del mondo la formula del progetto che coinvolge ragazzi e ragazze dai 13 ai 18 anni sperimentata a Mantova e in via di prototipazione, affinché possa essere imitata nel mondo.

TEEN SEGNI D'INFANZIA.jpg

TEEN è finanziato da Comune di Mantova, Comunità Europea e Fondazione Cariplo e ha già visto quattro ragazzi mantovani in trasferta in Danimarca all’Aprilfestival. Prevede il coinvolgimento dei ragazzi attraverso lo strumento della critica teatrale ed è già stato importato come buona pratica a Milano con il progetto “Acrobazie Critiche” ma è destinato ad ampliare sempre più efficacemente il suo network.

Assitej è un’organizzazione mondiale che opera dal 1965 e riunisce centinaia di teatri ed organizzazioni artistiche e culturali nei centri nazionali di oltre 80 Paesi.

Raggruppa artisti e compagnie teatrali che si dedicano professionalmente alla creazione di un teatro per il pubblico giovane e intende promuovere la qualità e il significato culturale del teatro per l’infanzia e la gioventù per le nuove generazioni.

Si batte per i diritti dei bambini ad avere accesso alla cultura, con una declinazione specifica verso il teatro, prendendo d’ispirazione una frase di Nelson Mandela“Comprendiamo e promuoviamo l’idea che mentre i bambini hanno bisogno di essere guidati, hanno anche un diritto radicato di essere ciò che vogliono essere e possono raggiungere questo obiettivo solo se viene dato loro lo spazio per sognare e vivere i loro sogni”. 

La Cazzola, direttrice artistica e presidente dell’Associazione Segni d’infanzia, sarà a Cape Town anche per un altro importante motivo: partecipare ad un incontro organizzativo che prevede la finalizzazione del meeting dell’Esecutive Commette di Assitej international a Mantova con 16 direttori provenenti da Sud Africa, Giappone, Islanda, Cina, Messico, Russia, Australia, Canada, India. In sostanza, una specie di “G8 del teatro ragazzi”, che si svolgerà probabilmente durante la dodicesima edizione di Segni New Generation Festival dal 28 ottobre al 5 novembre.

Annunci

Rispondi