GAZOLDO D/IPPOLITI – ALLA POSTUMIA L’APOCALISSE DEL VAJONT VISTA DALL’ARTISTA STEFANO GRASSELLI

 

Vajont la gigantesca frana 2011

All’Associazione Postumia di Gazoldo degli Ippoliti (piazzetta Postumia 2), DOMENICA 4 GIUGNO alle 17, inaugurazione della personale di Stefano GRASSELLI “Visioni di un’apocalisse (Vajont)”  con il commento del critico d’arte CARLO MICHELI, responsabile Ufficio Mostre del Comune di Mantova. L’esposizione rimarrà aperta fino a domenica 2 luglio 2017.

Le motivazioni riguardanti la mia ricerca artistica sulla tragedia del Vajont risalgono alla mia infanzia… A provocare questa immane tragedia, come accade spesso, fu l’assurda onnipotente presunzione umana… Ho voluto quindi raccontare, secondo il mio modo di vedere e di sentire, quello spaventoso evento che improvvisamente ha spazzato via bellissime valli, ridenti paesi, abitati da gente umile e semplice…

Stefano Grasselli (1960) vive e lavora a Reggio Emilia. Dopo gli anni dell’Istituto d’Arte “Gaetano Chierici” della sua città, si diploma all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Pittore, incisore, scultore e docente di materie artistiche, le sue opere grafiche e pittoriche sono presenti in importanti collezioni italiane e straniere, come l’Albertina Museum di Vienna o le collezioni di Ca’ Pesaro a Venezia.

A seguire presentazione del libro “SCRIVERE SI PUÒ E SI DEVE, SE SI VUOLE, antologia della scrittura creativa” (Ed- Sometti). Tra gli autori troviamo: MICHELE ANGIOLILLO, ALESSANDRA BARALDI, GIAMPIERO EVOLDI, GIACOMO LEVONI, MARISA MACALUSO, ALES MAI, ELIO MANTOVANI, VITTORIO PICINELLI, GIOVANNI RAGUSEO; curatrici MARIA VITTORIA GRASSI e NORA DE GIACOMO.

scrivereIl libretto è il frutto di quattro mesi di lavoro sulla scrittura, un percorso comune tra due “conduttrici”, Nora e M. Vittoria, e alcuni appassionati lettori-scrittori. La proposta di un corso di scrittura creativa non era nuovo né per Nora e M. Vittoria né per alcuni degli “allievi”, ma questa volta l’idea vincente è risultata quella di condividere, ogni volta, i lavori di ciascuno. I temi e gli spunti sviluppati a livello personale sono stati sempre, successivamente, letti e collegialmente commentati: così il “corso” si è via via trasformato in un circolo di appassionati della parola (non solo scritta) tanto che, nel condividere le loro parole, i protagonisti si sono anche conosciuti, sono diventati amici ed è nata l’idea di questa piccola antologia… In questa semplice raccolta troverai tante liste “creative” della spesa: ma è la spesa dell’anima di persone che si sono guardate dentro e che si sono riconosciute in ciò che hanno scritto, raccontando e raccontandosi e conoscendo, dopo ogni scritto, qualcosa in più su sé stessi e sulla forza della scrittura.

Annunci

Rispondi