MANTOVA – SALA DELLA COLONNA: MAURO GIORDANI presenta MANTOVA VECCHIOTTA (Vol. 3°)

Martedì 12 dicembre  alle 18,00 nella Sala della Colonna  (piazza L.B. Alberti 13)  Mauro Giordani presenta: MANTOVA VECCHIOTTA Cartoline della città 1876-1940 vol. 3°. Ebbene sì, Mantova Vecchiotta torna in libreria e chiude la collana con un terzo, straordinario volume.

MANTOVA VECCHIOTTA 3.jpg

La rassegna di immagini, più di 250, pesca dagli archivi più remoti della cartolina illustrata mantovana, con gli esemplari più antichi risalenti addirittura al 1876, arrivando fino al 1940. Non si tratta di un ritorno al passato: le tante immagini inedite non raccontano solo strade, piazze e monumenti scomparsi, ma fotografano anche il tessuto sociale ed economico una città che con l’annessione italiana esce dalla dimensione militare di fortezza.

La presentazione del volume è martedì 12 dicembre alle 18 alla Sala della Colonna di S. Andrea, a Mantova in piazza L.B. Alberti 13.

Con l’autore e l’editore intervengono lo scrittore Davide Bregola, il giornalista della Gazzetta di Mantova Luca Ghirardini e lo storico della fotografia Massimo Meschieri.

Mantova Vecchiotta chiude con un ritorno alle origini: il terzo volume della straordinaria collezione di Mauro Giordani pesca infatti dagli archivi più remoti della cartolina illustrata mantovana, con gli esemplari più antichi risalenti addirittura al 1876, arrivando fino al 1940.

Non si tratta però della riedizione di immagini già viste: in questa inedita raccolta c’è un vero e proprio racconto dell’evoluzione di una città che esce, faticosamente, dalla dimensione di fortezza cui era stata relegata fino all’annessione italiana del 1866. Il tessuto sociale, economico e artistico cittadino è infatti il vero protagonista di questa lunga sequenza in cui ritroviamo mura, strade, interni e architetture scomparse; nelle scene di vita quotidiana riviviamo l’epoca dei tram e la nascita di nuove attività commerciali con cartoline personalizzate, solchiamo i laghi con le barche e i pescatori professionisti, contempliamo la poetica delle bügandère e dei brentatori.

La rassegna è arricchita da due capitoli preziosi, che dimostrano come le cartoline seppero restituire a Mantova la memoria delle sue glorie: la riscoperta del Rinascimento con la grande mostra iconografica gonzaghesca, e il tributo alle lotte risorgimentali con il ricordo ancora vivo dei Martiri di Belfiore.

Annunci

Rispondi