CARNEVALE 2018 – A CASTEL GOFFREDO RE GNOCCO ha rischiato di essere SPODESTATO dal PRINCIPE DEL TORTELLO AMARO

Siamo nel cuore del Carnevale che, iniziato intorno al 17 gennaio, festa di Sant’Antonio
abate, dura fino alla mezzanotte del martedì grasso nel rito romano e alla mezzanotte del sabato successivo in quello ambrosiano. Una volta per i contadini era un periodo in cui si poteva prevedere il tempo futuro. Si diceva: «Carnevale al sole, Pasqua al fuoco, Carnevale al fuoco, Pasqua al sole», dove il fuoco indicava il caminetto è in senso traslato il brutto tempo. Una previsione che si basava sull’esperienza perché sappiamo bene che, se l’inverno è asciutto e sereno, probabilmente nel periodo pasquale pioverà a dirotto o viceversa.

Carnevale è poi tempo di follie, scherzi e beffe che si devono accettare di buon grado, come dice il proverbio: «Di Carnevale ogni scherzo vale»: ed è proprio ciò che ha fatto Re Gnocco di Castel Goffredo, regnante fin dal 1872, quest’anno ha rischiato di farsi spodestare dal Principe del Tortello Amaro (antica specialità di pasta ripiena della cittadina aloisiana), ma dopo vari battibecchi tra i cittadini, le associazioni e il Comune, si è arrivati ad una soluzione: Re Gnocco rimarrà il regnante del carnasciale.In questo modo, Domenica 11 Febbraio dalle 14,30 continua l’antica tradizione del divertimento e dell’allegria con maschere e carri allegorici e la distribuzione in piazza dei gnocchi al popolo accorso ad applaudire Re Gnocco e la sua corte; inoltre, vi sarà l’edizione straodinaria de Il Circo di Carnevale che proporrà la grande festa in maschera per bambini.

A competere per la maschera più bella non ci saranno solo le frazioni, ma si potranno iscrivere anche le singole maschere ed i gruppi mascherati e, a partire dalle 14,30, si darà vita ad una vera e propria sfilata con tanto di giuria che valuterà i concorrenti in base alle loro originalità, accuratezza e coreografia.

Al termine della kermesse i premi: alla frazione vincitrice andrà assegnata la tradizionale cuccagna; mentre alle maschere più belle e ai gruppi di maschere che si sono distinti, sono stati messi a disposizione numerosi buoni acquisto, grazie alla collaborazione con i commercianti del luogo.

(GB)

 

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.