GOITO – DOMENICA 25 MARZO RIAPRE IL ROMANTICO PARCO DELLE BERTONE

Ammirare, lo spettacolo delle cicogne impegnate nella costruzione dei nidi.

Terminata la pausa invernale, domenica 25 marzo il Parco Bertone, centro visita del Parco del Mincio, riapre al pubblico. La residenza estiva dei Conti D’Arco è un tipico esempio di parco giardino di ispirazione romantica, immerso in un piccolo bosco nel quale crescono rigogliosi  alberi esotici ed autoctoni, che possono raggiungere anche i 150 anni di età.

Rappresenta infatti un’autentica attrazione naturalistica il maestoso Ginkgo Biloba, che con i suoi 40 metri di estensione è uno dei più alti in Italia, ma sono veri e propri capolavori di natura anche la grande farnia che si osserva dalla radura principale e l’imponente cedro del Libano che svetta sul retro della palazzina audiovisivi: proprio sulle loro sommità, in questi giorni le cicogne, che popolano le Bertone grazie al progetto di reintroduzione promosso dal Parco del Mincio, stanno costruendo i loro nidi, e lo spettacolo dei loro fenetici viaggi dalle campagne circostanti per gli ultimi ritocchi è unico ed emozionante. Gli accoppiamenti tra esemplari adulti cominciano infatti in primavera e già in giugno è possibile ammirare le prime prove di volo dei nuovi nati, mentre i genitori sono impegnati in un incessante via vai per la loro alimentazione.

Per assistere ai preparativi, è sufficiente munirsi di un binocolo e attendere l’arrivo delle signore dei cieli, comodamente seduti sulle panchine o distesi sulla verde radura che si apre davanti alla villa padronale. E per allietare la domenica con una merenda salutare o uno spuntino a Km zero, basta accomodarsi nel vicino Ginkgo Garden Bio Bar, gestito dall’associazione Amici di Palazzo Te, che propone snack e bevande biologiche e tradizionali.

Il maltempo di questo marzo davvero pazzerello sta ritardando le fioriture, ma passeggiando lungo i sentieri del bosco si possono scorgere i segnali della natura al risveglio: gemme, boccioli e tenere foglie fanno capolino su piante e arbusti, mentre dal fogliame del sottobosco si possono scorgere i primi fiori di primavera. L’incessante lavorìo della natura si riconosce anche lungo il tronco e nell’imponete apparato radicale del noce nero americano piantato nel 1730 e caduto in seguito a un fortunale: una vita impercettibile e frenetica lo percorre, fatta di funghi e batteri che si alimentano delle sostanze contenute nel legno, e di anfibi e rettili che vi hanno trovato rifugio durante la stagione fredda.

Nel Parco si possono visitare anche la villa padronale, costruita nel 1870 per volontà del conte Francesco Antonio che volle introdurvi soluzioni abitative proprie dei grandi hotel di lusso di Londra e di Parigi , e le antiche scuderie, con annesso il Centro visita del Parco del Mincio. Ai lati della villa sorge l’edificio di foresteria che ospita in esposizione le carrozze originali – restaurate dal Parco del Mincio – utilizzate dai Conti d’Arco per raggiungere le Bertone dalla loro residenza di città, l’omonimo Palazzo D’Arco a Mantova.

PARCO DELLE BERTONE – (località Goito, Strada Bertone Colarina)

domenica 25 marzo dalle ore 10 alle 19

Dal 1° aprile e fino al 30 giugno,

il parco sarà aperto anche il sabato pomeriggio dalle ore 15.30 alle 19.00

Ingresso € 2,00 (gratuito per i bambini e ragazzi fino ai 12 anni di età e per gli over 70)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.