MANTOVA – “IL DONO DELLA TENEREZZA”. L’artista ANDREI SHCHUROK alla GALLERIA ARIANNA SARTORI

Dal 21 aprile al 10 maggio 2018

Inaugurazione:

Sabato 21 aprile, ore 18.00, alla presenza dell’artista

Andrei Shchurok6

Dal 21 aprile al 10 maggio 2018 la Galleria Arianna Sartori di Mantova, nella sede di Via Cappello 17, ospiterà la mostra dell’artista bielorusso Andrei Shchurok dal titolo “Il dono della tenerezza”.

La mostra, curata da Arianna Sartori, è promossa dall’Associazione Forum per i diritti dei bambini di Chernobyl onlus di Mantova, verrà inaugurata Sabato 21 aprile alle ore 18.00 alla presenza dell’artista. Questa è la seconda esposizione per Andrei Shchurok nella città di Mantova, che segue la personale “Jazz&Paint” realizzata alla Casa di Rigoletto nel 2010.

Andrei concepisce la pittura come un’arte aperta, la tecnica per lui deve limitarsi a soddisfare un primissimo interesse estetico ma un artista deve esprimersi “rompendo” ciò che vede per ricostruirlo attraverso l’anima.

Deve raccontare la sua storia, la sua melodia a colori.

Se la realtà è indovinata o no è assolutamente irrilevante.

La realtà dell’artista è un’immagine diversa da tutto ciò che è stato creato prima.

Dopotutto l’artista è sempre lo scopritore.

Shchurok Andrei, dipinto.jpgScrive  Gregori Korzenevskiy (Corriere di Vitebsk, 15 dicembre 2017)

«L’arte di Andrei Shchurok offusca gli spigoli della percezione, catturando i processi di trasformazione delle forme di questo mondo ai livelli di materia ed energia sottili. La loro interpretazione, inconsapevole della solita “prima” attenzione, forma un’immagine della realtà umana, ma l’artista rende cosciente l’inconscio, diventando un co-autore dei processi stabili invisibili che hanno luogo nell’universo planetario. Allo stesso tempo, il pittore non invade la realtà con il bisturi della ragione, vediamo in sostanza un’arte contemplativa che rappresenta un’interazione armoniosa con la realtà. Guidato dalla spontaneità creativa, l’artista appare co-creatore degli elementi dell’universo, poiché la sua attività osservativa è in armonia con il mondo.

Allo stesso tempo, la maggior parte dei dipinti non possono essere definiti paesaggi nel senso abituale di un pubblico di massa. La creatività di Andrei Shchurok collega lo stato della realtà naturale con lo stato dell’anima dell’artista, e viaggia attraverso i luoghi del mondo fisico diventando vagabondaggi concomitanti attraverso i mondi della coscienza individuale. È così che si realizza la realizzazione dell’espressione per l’unità dell’uomo e dell’universo cercata da molti.Shchurok Andrei 3.jpgIn piena conformità con la sua natura del viaggiatore, la cui massima espressione archetipica è l’immagine del Viaggiatore, Andrei Shchurok ammette prontamente che la sua arte è definita “strana”, sottolineando che anche questo è un complimento. È nelle immagini “strane” che mostrano le peculiarità del percorso spirituale e la singola gnosi del loro creatore che si può scoprire costantemente qualcosa di nuovo per se stesso, tale arte ha un valore reale e, secondo l’artista, non si annoia mai. Una caratteristica distintiva del processo creativo di Andrei Shchurok è che, confondendo i confini della percezione condizionata, non è in conflitto con la realtà e non si sforza di ricrearla intenzionalmente, esistendone armoniosamente: “Non sono un artista manifesto. L’arte è organica per la mia vita. Mi piace la lotta con la tela o, al contrario, quando il processo creativo procede facilmente”».

Andrei fotoAndrei Shchurok. Nasce a Minsk (Bielorussia) il 15 Maggio 1976. All’età di undici anni inizia a studiare alla Scuola d’Arte per bambini nella città di Vitebsk. Sempre a Vitebsk continua gli studi presso la scuola di Belle Arti e l’Università delle Arti, si laurea in Arti Grafiche. Tutto il percorso accademico di Andrei è profondamente radicato alla tradizione della Scuola di Vitebsk che a sua volta si ispira alle opere di due grandi maestri che hanno vissuto e lavorato in questa città: Marc Chagall e Kazmir Malevich. I suoi dipinti si trovano in collezioni private in Bielorussia, Russia, Inghilterra, Germania, Spagna, Italia, Lettonia.

Esposizioni: 1995 “Chuchundra-Povidish”, Orsha. 2004 “I Viaggi”, nazionale, Minsk. 2008 “She is my baby”, personale, Vitebsk. 2008 “Natura morta”, nazionale, Minsk. 2008 “Natalizia”, nazionale, Minsk. 2009 “Mix a trios”, Sanpietroburgo. 2009 “Natalizia”, Minsk. 2010 “Jazz&Paint”, personale, Mantova. 2017 “Il bordo del sole”, personale, Vitebsk. 2017 “Ossigeno O2”, Palma di Maiorca. 2017/18 “Odore di pioggia”, personale, Vitebsk.

LOGO invito.jpgForum per i Diritti dei Bambini di Chernobyl è una Associazione nata dopo il disastro nucleare di Chernobyl con lo scopo di promuovere  soggiorni terapeutici per i minori bielorussi che provengono dalle zone contaminate. I nostri bambini sono orfani sociali che vivono in istituti  in quanto abbandonati dalle famiglie d’origine o allontanati dalle stesse. Nel corso degli anni centinaia di bambini e ragazzi sono stati accolti dalle famiglie della provincia di Mantova. Inoltre, grazie alla generosità di alcuni sponsor privati, la nostra Associazione supporta economicamente gli istituti con lo scopo di garantire ai giovani ospiti condizioni di vita migliori.Shchurok Andrei 4.jpg

ARIANNA  SARTORI ARTE & OBJECT DESIGN

Via Cappello, 17 – MANTOVA – Tel. 0376.324260 

Orario di apertura:

dal Lunedì al Sabato 10.00-12.30 / 15.30-19.30. Chiuso Festivi

info@ariannasartori.191.it

Annunci

Rispondi